Milan dai due volti con Fiorentina e Napoli

logo-milanE pensare che avere un uomo in più o in meno dovrebbe contare almeno qualcosina in termini di fatica, gioco e pericolosità. Beh stando a quanto successo nelle ultime gare di Campionato ai rossoneri non sembrerebbe proprio così.

Due settimane fa contro la Fiorentina, la squadra guidata da Massimiliano Allegri, avanti 0-1 al Franchi e con il vantaggio dell’uomo in più dal 39′ del primo tempo, è prima andata sullo 0-2 e poi incredibilmente è riuscita a subire due reti nel giro di sette minuti, pareggiando una partita praticamente già vinta. Imperdonabile la leggerezza commessa dai ragazzi rossoneri che hanno gettato al vento la possibilità di ipotecare la pratica terzo posto e guardare il calendario con più serenità; un atteggiamento presuntuoso e superbo non da grande squadra.

Sette giorni dopo, invece, si è verificata la situazione opposta. A San Siro contro il Napoli, il Milan è rimasto in inferiorità numerica al 72′ della ripresa: questa volta, invece di cedere sotto i colpi di un Napoli comunque in forma smagliante, ha reagito da grande squadra, rimanendo compatta e tirando fuori una prestazione grintosa che ha permesso di conservare il pareggio e portare a casa un punto prezioso. Massimiliano Allegri si è detto contento e soddisfatto dell’atteggiamento tenuto dalla squadra contro i partenopei.

Ha ragione il buon Max, è proprio questo carattere che vogliono vedere i tifosi: grinta cuore e concentrazione, tutti elementi che serviranno eccome domenica sera in quel di Torino. La Juventus non è nè il Napoli, nè la Fiorentina, dunque occhio, perchè alla minima sbavatura la squadra di Conte è pronta ad approfittarne. Ripartire dalla ripresa di Napoli è il diktat dell’allenatore per provare a compiere quell’impresa non impossibile (battere la Vecchia Signora a casa sua), già riuscita in Campionato a Sampdoria e Inter.

[Isaac Cozzi – Fonte: www.ilveromilanista.it]