Milan e Juve, non è un dramma. Inter, ecco il tuo obiettivo. Napoli e Roma alla prova del nove.

Abbiamo assistito ad uno vero spettacolo. Sampdoria-Milan è stata una gara viva fino all’ultimo secondo, ricca di emozioni, opportunità ed agonismo. Nessuna delle due squadre si è risparmiata e alla fine il pareggio forse sta un po’ stretto ai rossoneri. Ma una battuta d’arresto può starci. Dopo tante vittorie consecutive, è normale che la squadra possa cadere in un piccolo incidente di percorso, anche se la prestazione del Milan al Marassi non mi è affatto dispiaciuta. Inoltre il Milan non si ferma mai, da giorni continuava a giocare consecutivamente.

Non ne farei un dramma. Così come la Juve. Pareggiare con la Fiorentina non è semplice. Ci sono state partite in cui la Juve ha vinto non dominando, ed altre in cui ha pareggiato pur giocando bene. Il calcio è strano ma l’importante è che la squadra è viva. La corsa allo scudetto non è fantascienza. L’Inter deve pensare a risolvere i suoi problemi. Alibec è un buon giovane ma un tifoso dell’Inter non può essere speranzoso se vede in campo Alibec.

Non si può pensare di rimontare il Milan con 5 primavera in rosa. Ma non è assolutamente colpa di Benitez. Lo spagnolo non può molto se tutti i giocatori decisivi della passata stagione sono fuori per infortuno. L’obiettivo di fine anno è evidentemente vincere il Mondiale per club. Un impegno tutt’altro che semplice, anche il Milan ha perso in passato. Nonostante tutto il Mondiale per club deve portarlo in bacheca. L’Inter dopo anni in cui dominava senza veri antagonisti, è costretta a rincorrere e non può commettere altri passi falsi in campionato.

La Roma invece è stata brava a tenere i nervi saldi ed uscire dalla crisi proprio nel momento più delicato della stagione. La grande esperienza di Ranieri ha permesso ai giallorossi di raccogliere partita dopo partita i frutti del lavoro e dei duri allenamenti quotidiani. L’incontro con il Palermo è di vitale importanza, crocevia della stagione, dopo il rocambolesco successo in Champions League con il Bayern Monaco. Il Palermo però non è cliente semplice ed è capace di mettere in difficoltà chiunque. Il Napoli ha una partita difficile a Udine, perché i friulani hanno bisogno di punti. Gli azzurri ogni volta che sono chiamati ad entrare nel gruppo delle grandi, stecca sempre la prova.

La piazza merita il salto di qualità, il Napoli deve sfruttare il turno per mettere pressione alle squadre di testa e tracciare un solco con le inseguitrici. La Lazio è lì. Si sente parlare di battute d’arresto ma non ci credo. E’ normale che la Lazio deve lottare per la zona Champions e non per lo scudetto, ma non ci meravigliamo se la squadra di Reja incappa in qualche sconfitta durante il suo percorso. Insieme al Napoli, alla Roma e al Palermo, i biancocelesti si giocano il quarto posto. In serie B la situazione del Torino non è così pessima come si vuol far credere.

I granata sono in perfetta media inglese, vittorie in casa e pareggi in esterna. Ma conti alla mano i punti di distacco con la capolista Novara sono tanti, tutto merito dei piemontesi, vera sorpresa del torneo cadetto. Sono stati capaci di pareggiare a Siena, squadra candidata alla promozione in A. Non condivido chi dice che il Novara alla distanza calerà, la formazione di Tesser ha tutto per salire di categoria.

[Malu’ Mpasinkatu – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]