Milan – Inter 1-1: pareggio con il brivido per i nerazzurri

4299

Milan Inter cronaca diretta live risultato tempo reale

La partita Milan – Inter del 7 novembre 2021 in diretta: in vantaggio su rigore trasformato da Calhanoglu i nerazzurri vengono raggiunti da un’autorete di de Vrij e falliscono il nuovo vantaggio dal dischetto con Lautaro. Nel finale il colpo del ko con palo di Saelemaekers e il tap in fallito da Kessié in pochi istanti

La cronaca con commento in diretta

RISULTATO FINALE: MILAN - INTER 1-1

SECONDO TEMPO

48' è finita! 1-1 tra Milan e Inter al termine di una sfida molto intensa e finale decisamente di marca rossonera. Nerazzurri in vantaggio grazie al rigore trasformato da Calhanoglu quindi il pari su sfortunata autorete di de Vrj e Inter che ha fallito il 2-1 su rigore con Tatarusanu che si è opposto a Lautaro Martinez. Vi ringraziamo per l'attenzione e appuntamento ai prossimi live

48' punizione Inter sulla trequarti d'attacco: alla battuta Calhanoglu, libera di testa Ibrahimovic

47' fallo in attacco di Rebic su Vidal, lungo rinvio di Handanovic

45' 3 minuti di recupero

45' palo di Saelemaekers che ha provato dal limite e sul tap in da due passi di Kessie conclusione da due passi a lato! 

42' tentativo dalla distanza di Kalulu e palla larga

40' contrasto di Vidal e palla che termina sul fondo. Angolo affidato a Bennacer, palla sul primo palo con Rebic che viene murato da Correa

39' in campo Dimarco e Sanchez per Lautaro e Bastoni che accusa un fastidio ai flessori

38' spazio a Bakayoko per Krunic

37' torre di Ibrahimovic in area per l'inserimento di Bennacer ma conclusione alta!

35' fallo di Vidal su Rebic quasi al limite dell'area: punizione affidata da Ibrahimovic, bolide sul primo palo, vola Handanovic a respingere la conclusione!

32' cross dal fondo di Perisic su Calabria ma sfera uscita sul fondo

30' dentro dunque Correa e Dumfries per Dzeko e Darmian

29' problemi per Dzeko a terra dopo aver offerto un assist in area per Darmian, flessore della coscia destra. Spazio anche per Dumfries con Darmian che era caduto in occasione dell'ultimo cross facendosi un pò male contro i cartelloni pubblicitari

28' sull'angolo di Calhanoglu anticipato di testa Skriniar da Kjaer

27' palla recuperata da Dzeko sul fondo, palla dietro per Vidal ma conclusione ravvicinata murata due volte da Kaluku!

26' in campo Bennacer per Tonali

24' angolo di Tonali con Lautaro che la svirgola sul primo palo e nuovo tiro dalla bandierina: sul secondo tentativo di testa allontana in tuffo Skriniar quindi Ibrahimovic prova a giro in area ma alza la mira

23' dentro Vidal per Barella

22' spunto di Rebic che conclude in area ma trova il muro di Skriniar per l'angolo

21' conclusione dal limite di Calhanoglu murata da Kjaer quindi bravo Barella nel ripiegare su Rebic

19' gioco fermo, a terra Darmian dopo una bracciata di Rebic che lo aveva infilato in velocità. Si riparte con una palla scodellata dall'arbitro e Inter che conquista una rimessa laterale nella propria metà campo

17' punizione conquistata da Dzeko sulla trequarti, braccio di Krunic

15' due corner quasi consecutivi non sfruttati dalla squadra di Inzaghi

13' due cambi per Pioli: fuori Diaz per Saelemaekers e Leao per Rebic

12' bell'azione sulla sinistra con Dzeko a far proseguire Bastoni, sul suo cross c'è la deviazione di Tomori in angolo

10' palla in verticale di Barella per Lautaro, bella giocata su Tomori ma conclusione deviata da Kessie a lato. Nuovo angolo. Sui suoi sviluppi palla a Perisic verso il secondo palo per Calhanoglu, tiro cross molto potente che non viene corretto in rete da Lautaro da due passi!

8' punizione di Tonali, palla a mezz'altezza che attraversa l'area di rigore ma non ci arriva nessuno

6' conclusione di Dzeko da posizione defilata, fa muro Calabria, c'è l'angolo: batte Calhanoglu, sul primo palo allontana di testa Ibrahimovic

4' sponda di Ibrahimovic in area per Diaz che non intuisce la giocata e azione che sfuma quindi qualche istante più tardi in area tocco con una mano dello svedese e punizione per la difesa

3' tocco con il braccio di Kalulu, punizione per l'Inter: palla di Calhanoglu per il colpo di testa a centroarea in controtempo di Dzeko, palla sopra la traversa

2' primo angolo conquistato dall'Inter, ultimo tocco di un milanista: traversone verso il secondo palo di Calhanoglu con Kalulu che alleggerisce in fallo laterale

si riparte! Calcio d'avvio questa volta battuto dall'Inter

c'è una novità nel Milan con Kalulu pronto a entrare, non sarà della ripresa Ballo-Touré

Ben ritrovati! Le squadre tornano in campo per il secondo tempo. Vediamo se ci sono stati cambi nell'intervallo

PRIMO TEMPO

46' si chiude qui il primo tempo del derby, 1-1 tra Milan e Inter all'intervallo. Gara giocata su ritmi elevati soprattutto grazie al Milan molto aggressivo a centrocampo. Due rigori per i nerazzurri, il primo ha dato il temporaneo vantaggio grazie a Calhanoglu, il secondo parato da Tatarusanu su Lautaro. In mezzo l'autorete sfortunata di de Vrij sulla punizione di Tonali. Un pò in difficoltà i due arieti da una parte Ibrahimovic e dall'altra Dzeko con quest'ultimo che nel finale ha ricamato un buon pallone per Martinez. Squadre negli spogliatoi, fra pochi torniamo per il secondo tempo

46' intervento con il braccio destro di Dzeko sul petto di Kjaer, può chiudere in avanti il Milan: punizione di Tonali, blocco falloso di Kjaer su Skriniar

45' 1 minuto di recupero

45' traversone di Perisic, sponda di Darmian sul secondo palo per Dzeko che la aggiusta su Lautaro ma il suo tentativo rasoterra termina di un soffio a lato!

44' salvataggio sulla linea di Ballo-Touré! Bello scambio Bastoni - Barella con conclusione in area murata dall'esterno rossonero

43' generoso ripiegamento di Dzeko che commette fallo su Leao, primo tempo difficile per la prima punta dell'Inter: sulla punizione palla dentro di Tonali e grazie al blocco di Skriniar può uscire senza problemi Handanovic

42' contrasto falloso di Krunic su Calhanoglu, punizione per la difesa nerazzurra

41' prova l'azione ragionata il Milan dopo una fase molto intensa con ritmi sostenuti

40' intervento in copertura efficace di Skriniar su Ballo-Touré, rimessa dal fondo Inter

39' fallo in attacco di Brozovic con Tonali che è riuscito rapidamente a ripiegare

36' apertura di Krunic in area per Leao, primo tentativo un pò centrale respinto con i pugni da Handanovic e secondo tentativo alto

33' contrasto senza esclusioni di colpi tra Tonali e Calhanoglu ma tutto nel massimo rispetto, il rossonero ha avuto la peggio. Si riparte, nessun problema per il giocatore e punizione che non ha avuto sbocco

32' tentativo di Tonali in corsa quasi dal limite dell'area ma mira molto alta

30' fallo in attacco di Darmian su Leao, da monitorare le condizioni di Dzeko

29' angolo di Calhanoglu, esce bene Tatarusanu che la blocca in presa alta

27' sul dischetto Lautaro PARATA!!! Conclusione forte e angolata alla destra di Tatarusanu che indovina l'angolo e con una mano riesce a neutralizzare il tentativo! Si resta sull'1-1!

25' RIGORE PER L'INTER!!! Verticalizzazione di Calhanoglu per Darmian che prende d'infilata Ballo-Touré, intervento in scivolata dentro l'area. Nessun dubbio per l'arbitro e giallo per il difensore

24' lancio di Tomori per Leao, sulla traiettoria Skriniar che stoppa eleganemente di petto

22' chance in area per Lautaro che da posizione defilata viene chiuso da Kjaer. Quindi un cross di Skriniar verso il secondo palo per la sponda aerea di Perisic, un passaggio a Tatarusanu

21' testa a testa tra Ballo-Touré e Darmian con il nerazzurro bravo in copertura a conquistare una punizione battuta da Handanovic

20' anticipo di Perisic su Diaz al termine di un'azione corale del Milan galvanizzato dal gol del pari

17' PAREGGIO DEL MILAN!!! Sulla punizione di Tonali a centroarea svetta de Vrij nel tentativo di anticipare Tomori con  palla alla destra di Handanovic, invano proteso in tuffo

16' intervento in ritardo di Barella su Kessié, punizione dal vertice sinistro dell'area affidato a Tonali

15' su palla persa da Brozovic a centrocampo ci prova dai 25 metri Leao, conclusione bassa, potente ma centrale, blocca a terra Handanovic

14' lungo lancio di Skriniar per il taglio di Martinez pescato in offside, il giocatore ha provato ad aggirare il portiere ma ha calciato a lato prima della segnalazione

14' conclusione morbida in area a giro di Leao, blocca Handanovic senza problemi

11' HAKAN CALHANOGLUU!!!! 1-0 INTER!!! Dal dischetto l'ex rossonero conclude centralmente e bassa con Tatarusanu che si è tuffato sulla sua sinistra

8' RIGORE PER L'INTER!! Pressione di Dzeko su Kessie con Calhanoglu che gli passa dietro e gli soffia palla in area, il giocatore viene steso dal centrocampista ma VAR in corso. C'è da aspettare per la decisione con Calhanoglu già pronto sul dischetto. Confermato il rigore!

8' buona copertura di Bastoni su Calabria dopo un bel fraseggio

6' nerazzurri che cercano nuovamente Handanovic per il lancio lungo quindi Tomori in fallo laterale per anticipare Lautaro

5' lancio in verticale per Ibrahimovic anticipato da Skrniar quindi imposta il gioco Brozovic

4' break di Barella in verticale su Calhanoglu, conclusione in area murata da Tomori

3' primo corner per il Milan sulla sinistra d'attacco affidato a Tonali, anticipo sul primo palo di Lautaro quindi Darmian non riesce a sprintare sulla destra e la squadra di Pioli torna a gestir palla

2' palla persa da Bastoni con Diaz che un pò frettolosamente la crossa bassa in area dove De Vrij spazza senza pensarci troppo

1' primo possesso palla basso per i rossoneri, lancio per Leao anticipato quindi grande lotta a centrocampo vinta dall'Inter che si distende sulla destra con Barella, cross intercettato di testa dalla difesa

partiti! Calcio d'inizio battuto dal Milan nella tradizionale maglia rossonera, Inter in quella nerazzurra

Capitani a centrocampo per decidere chi darà il via al derby

Ci siamo! Milan e Inter scendono finalmente in campo, ancora pochi istanti per il fischio d'inizio

20.35 Inzaghi si affida alla formazione tipo con l'ex Calhanoglu che torna dal primo minuto, panchina invece per Correa autore di una doppietta nell'ultima giornata di campionato e tandem offensivo con Dzeko - Lautaro Martinez

20.34 le squadre hanno ultimato il riscaldamento, inizia la festa sugli spalti. Si scalda l'atmosfera in attesa dell'ingresso delle squadre

20.32 in casa Milan potrebbe pesare l'assenza di Theo Hernandez per squalifica ma sulla trequarti potrebbe trovare maggiore inventiva con l'inserimento di Brahim Diaz spostato come ala e inserito al posto di Saelemaekers

20.30 la gara di questa sera assume un valore ancora più importante alla luce del pareggio del Napoli in casa contro il Verona. Per i rossoneri l'occasione di balzare in vetta in solitaria, per i nerazzurri di accorciare in vetta. Tutto questo prima della sosta di campionato

20.08 anche l'Inter fa in questo momento l'ingresso sul terreno di gioco per il riscaldamento

20.07 il Milan fa il suo ingresso in campo per il riscaldamento

Cari lettori di Calciomagazine l'attesa è finita! Benvenuti al derby di Milano, benvenuti al derby Milan - Inter. Ci collegheremo per seguire la grande sfida e accompagnarvi con la nostra cronaca diretta. I due allenatori hanno fatto le loro scelte che potete trovare qui di seguito.

TABELLINO

MILAN (4-2-3-1): 1 Tatarusanu; 2 Calabria, 24 Kjaer, 23 Tomori, 5 Ballo-Touré (dal 1' st 20 Kalulu); 8 Tonali (dal 26' st 4 Bennacer), 79 Kessie; 33 Krunic (dal 39' st 41 Bakayoko), 10 Diaz (dal 13' st 56 Saelemaekers), 17 Leao (dal 13' st 12 Rebic); 11 Ibrahimovic. A disposizione: 83 Mirante, 9 Giroud, 14 Conti, 25 Florenzi, 27 Maldini, 46 Gabbia, 64 Pellegri. Allenatore: Stefano Pioli.

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 De Vrij, 95 Bastoni (dal 39' st 32 Dimarco); 36 Darmian (dal 31' st 2 Dumfries), 23 Barella (dal 23' st 22 Vidal), 77 Brozovic, 20 Calhanoglu, 14 Perisic; 9 Dzeko (dal 31' st 19 Correa), 10 Lautaro (dal 39' st 7 Sanchez). A disposizione: 97 Radu, 5 Gagliardini, 8 Vecino, 11 Kolarov, 12 Sensi, 13 Ranocchia, 33 D'Ambrosio. Allenatore: Simone Inzaghi.

Reti: all'11' pt Calhanoglu (rigore), al 17' pt de Vrij (autogol)

Ammonizioni: Ballo-Touré

Espulsioni: -

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa

NOTA: Kessié e Ballo-Touré hanno causato un rigore, Tatarusanu ha parato un rigore a Lautaro Martinez

I convocati del Milan

PORTIERI: Jungdal, Mirante, Tătărușanu.

DIFENSORI: Ballo-Touré, Calabria, Conti, Florenzi, Gabbia, Kalulu, Kjær, Tomori.

CENTROCAMPISTI: Bakayoko, Bennacer, Díaz, Kessie, Krunić, Saelemaekers, Tonali.

ATTACCANTI: Giroud, Ibrahimović, Leão, Maldini, Pellegri, Rebić.

Le dichiarazioni di Pioli alla vigilia

Pioli: “Abbiamo recuperato energie dopo un periodo molto impegnativo. La squadra sta bene ed è in condizioni ottimali sia dal punto di vista mentale che fisico, si è preparata bene per affrontare la partita di domani. Prepariamo ogni partita per poterla vincere. Conosciamo la forza dell’avversario, ma l’intenzione è chiara. È una partita molto importante per il nostro momento e per il mondo Milan, ma ci darà solamente altri tre punti in classifica, senza guardare troppo avanti. L’Inter ha vinto abbastanza nettamente lo scorso campionato, probabilmente passerà il girone di Champions ed è una squadra che sa cosa serve per continuare a vincere. Sono una squadra solida, compatta, con qualità sia tecniche che fisiche. Hanno giocatori che possono avere impatto in ogni momento della partita. Si affrontano i due migliori attacchi del campionato, credo che difendere molto bene darà la possibilità di vincere la partita. Noi e il Napoli abbiamo fatto un inizio di campionato straordinario, ma la classifica non conta. Loro hanno dei punti deboli, che proveremo a scoprire domani. Ballo-Touré, Florenzi e Rebić sono recuperati, stanno bene e saranno disponibili, l’unico che vedremo dopo la sosta sarà Messias. Ho già fatto le mie scelte: i giocatori le conoscono, domani saprete. Ibrahimović è un fenomeno e continua a dimostrarlo in tutto quello che fa. Sta bene, è in buona condizione e viene da un’ottima prestazione contro la Roma. È motivato, come i suoi compagni, a dare tutto domani sera. Brozović è un giocatore molto importante per la costruzione dell’Inter, dovremo tenerlo in grande considerazione se vorremo sporcare le loro trame di gioco. Chi toglierei loro? Nessuno, punto sui miei giocatori. Ormai siamo quasi tutti in Nazionale, questo è un segnale di crescita da squadra forte: i nostri ragazzi stanno crescendo tanto e sono convinto che abbiamo ancora dei margini di miglioramento che si vedranno in futuro. Ieri ho visto il filmato sul nuovo Bernabeu: bellissimo, incredibile, pieno di tecnologie e con un ambiente che può accogliere i tifosi nel miglior modo possibile. Sono orgoglioso di far parte di un club che ha queste idee innovative che possano far crescere anche tutto il calcio italiano. San Siro è la storia, il nuovo stadio sarà il futuro. Meritiamo di essere coraggiosi. Scenderemo in campo dopo 10 vittorie e 1 pareggio, l’atteggiamento deve essere propositivo. Il nostro percorso prosegue da quasi due anni, abbiamo gettato basi importanti che non crolleranno: da qui dobbiamo andare avanti passo dopo passo. Vogliamo tornare a vincere, in Italia e in Europa, dobbiamo credere nelle nostre qualità e nel nostro modo d’interpretare le partite, anche se ovviamente andremo incontro a delle difficoltà. Crediamo in quello che facciamo e sappiamo che dobbiamo mettere tutte le nostre energie in campo. Un Derby si prepara tanto tatticamente quanto emotivamente. Avremo un piano per entrambe le fasi di gioco, ma l’aspetto caratteriale potrebbe fare la differenza più della tattica. In queste partite non ci sono favoriti, la classifica non conta più. È una partita molto importante e sentita in cui vogliamo fare bene. Si partirà da 0-0, in 11 contro 11. Dovremo giocare con grande attenzione e qualità, vogliamo giocarcela dall’inizio alla fine, cercare di non aspettare ma di essere aggressivi. Rispetto all’ultima volta è cambiato tanto, sia per noi che per loro. Partite come questa sono difficili da prevedere e accomunare, sono due stagioni diverse e situazioni differenti. Cercheremo di mettere in campo la nostra strategia con grande attenzione”.

Inzaghi: “Sarà una partita intensa, sappiamo cosa significa un derby, l’importanza per i nostri tifosi e per la società quindi vogliamo chiudere al meglio queste 7 partite sapendo che sarà una gara molto importante. Ho avuto la fortuna di giocarne tanti da giocatore e allenatore, sono partite che si preparano da sole, adesso capita dopo la gara di Champions, abbiamo avuto 2-3 giorni per prepararla ma ho visto occhi e facce giuste dei giocatori, la giusta convinzione. Stiamo facendo ottime cose, una buonissima Champions, 24 punti in 11 partite in campionato, domani abbiamo bisogno di una grande partita che in questo momento aumenterebbe le nostre convinzioni. I tre scontri diretti che abbiamo fatto li abbiamo fatti bene a partire dalla Juventus, con l’Atalanta abbiamo sbagliato il rigore decisivo, con la Lazio abbiamo fatto 70 minuti ottimi fino al rigore, è normale che ci manca la vittoria e domani abbiamo una grande occasione anche per chiudere al meglio il ciclo di queste 7 partite che sono cominciate con la sconfitta di Roma e poi abbiamo fatto 5 vittorie e un pareggio ci hanno dato ottime convinzioni ma come ho detto domani sarà importante fare risultato. Nelle ultime partite non ci siamo snaturati perché abbiamo giocato sempre un ottimo calcio creando tanto, chiaramente abbiamo lavorato meglio in fase difensiva e più di squadra, il blocco squadra è stato sempre compatto e dalla Juventus in poi abbiamo concesso molto poco. È il mio primo a Milano, quindi c’è una grandissima voglia che arrivi questa partita, l’avvicinamento è stato diverso perché siamo tornati giovedì da una trasferta europea ma i tifosi dell’Inter aspettano questa partita, c’è tanto entusiasmo e abbiamo tifosi che ci seguono sempre e anche domani ci aiuteranno tantissimo nei momenti in cui dovremmo soffrire tutti insieme. Mancano ancora due allenamenti, ora a metà campo ho ottime risposte: Calhanoglu con l’Udinese ha fatto una grande partita, Vidal in Champions è stato fondamentale, Gagliardini con Empoli e Lazio è stato tra i migliori, Vecino ha avuto un problemino che ha superato e in allenamento mi mette sempre in difficoltà e Sensi sta tornando. Ho la fortuna di allenare una grande squadra e c’è sempre molta competizione in tutti i ruoli, per la formazione ho qualcosa in testa ma dovrò avere le conferme dagli allenamenti. La classifica c’è e va guardata, ma in un derby le classifiche si azzerano, conterà corsa, aggressività determinazione, cercando di fare entrambe le fasi nella giusta maniera e sapendo che affrontiamo un avversario di valore. Il Milan  una squadra che segna tanto e non concede molto. Hanno un ottimo allenatore che conosco bene, quindi dovremo prestare massima attenzione. Per quanto riguarda noi sappiano che siamo in un ottimo momento, siamo il miglior attacco e abbiamo tutte le possibilità per fare una grande partita. Abbiamo giocato solo 11 partite, abbiamo un ritardo di 7 punti che vogliamo colmare già da domani, da qui alla fine mancheranno ancora 27 partite, ci sono ancora tanti punti a disposizione, però domani è una partita importante per la classifica e per le convinzioni del gruppo che stanno aumentando di giorno in giorno”.

Le dichiarazioni di Olivier Giroud

In una intervista rilasciata a Milan TV, Olivier Giroud ha dichiarato: Sono molto felice. Mi hanno accolto tutti bene, come una grande famiglia. Sono qui per aiutare tanti giovani, e sono orgoglioso di farlo portando la mia esperienza. Abbiamo tanto da fare e sicuramente dobbiamo dare di più. Sono molto motivato e spero di vincere qualcosa questa stagione. Sono molto orgoglioso del numero 9, non sono superstizioso. Il mio più bello finora é stato quello con l’Hellas Verona. Ibrahimovicè molto importante per la squadra. È una bella competizione con lui e Ante in attacco. Non vedo l’ora d giocare il derby, sono molto carico e vorrei che fosse già domenica. È la partita più importante per i tifosi, speriamo di vincere”

Il messaggio dell’A.D. Milan Gazidis

Ivan Gazidis é  intervenuto sul canale Twitch del Milan: “La squadra è sempre in crescita, va migliorando. Quello che mi dà orgoglio è l’unità, lo spirito, la voglia dei nostri ragazzi. Stanno giocando con coraggio, con un gioco offensivo, progressista. Credendo sempre, reagendo sempre alle difficoltà senza alibi. Sfortunatamente vedrò il derby in tv. Sono questi i momenti per i quali giochiamo. Chiedo una cortesia ai tifosi: tenetemi un posto in curva, voglio tifare con voi. Non sarò lì fisicamente, ma il mio cuore sarà a San Siro“.

L’arbitro

Sarà Daniele Doveri, della Sezione di Roma 1, l’arbitro di Milan-Inter: il Derby di Milano è in programma domenica 7 novembre alle 20:45 a San Siro. Doveri avrà come assistenti Passeri e Costanzo, mentre il quarto Uomo sarà Pezzuto. Il VAR dell’incontro sarà Irrati, l’Assistente VAR Vivenzi. Ha già diretto due volte il Derby tra Milan e Inter. In entrambi i casi vittorie nerazzurre: Milan-Inter 0-2 del settembre 2019 e Milan-Inter 0-3 dello scorso febbraio.

La presentazione del match

MILANO – Domenica 7 novembre, alle ore 20.45, in uno Stadio “Giuseppe Meazza” esaurito (si attendono 57mila spettatori), andrà in scena il Derby della Madonnina, Milan – Inter, posticipo serale della dodicesima giornata del campionato di Serie A 2021/2022. I due allenatori hanno operato le loro scelte sui giocatori che partiranno dal primo minuto. Pioli senza Theo Hernandez squalificato ma con un Brahim Diaz in più e Saelemakers sacrificato in panchina, c’è Ibrahimovic. Inzaghi con l’ex Calhanoglu osservato numero uno e formazione tipo con Dzeko – Lautaro Martinez in avanti. Il Milan viene dalla vittoria all’Olimpico contro la Roma, ottenuta grazie alle reti di Kessie e Ibrahimovic, ed é in testa alla classifica, alla pari con il Napoli, con 31 punti, frutto di 10 vittorie e un pareggio; 25 gol fatti e 10 subiti. In Champions i rossoneri vengono dal pareggio casalingo per 1-1 contro il Porto e nella classifica del Girone hanno solo un punto dopo quattro gare con le possibilità di passare il turno appese a un filo. I nerazzurri sono reduci, in campionato, dal successo casalingo per 2-0 contro l’Udinese e sono  terzi a quota 24 punti, frutto di 7 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta; 28 reti realizzate e 12 incassate. In Champions hanno vinto per 1-3 sul campo dello Sheriff Tiraspol con marcature di Brozovic, Skriniar e Sanchez e sono secondi nel Girone.  Quella di domenica sarà la sfida numero 175 tra le due formazioni in campionato, con un bilancio di 67 successi per i nerazzurri, 55 pareggi e 52 vittorie dei rossoneri. Nelle 174 partite giocate fino ad ora, l’Inter ha segnato 246 gol. I nerazzurri hanno vinto cinque degli ultimi sei derby di Milano in Serie A. Sono 87 i precedenti tra Milan e Inter in Serie A con i rossoneri in casa: 34 i successi dell’Inter, 28 del Milan e 25 pareggi. L’Inter ha vinto tutti gli ultimi 3 Derby di Milano giocati in casa del Milan, soltanto una volta nella storia della Serie A, i rossoneri hanno perso più derby casalinghi: tutti i primi cinque contro l’Inter, tra il 1929 e il 1934.  Nella scorsa stagione nel derby d’andata il Milan si imposeper 2-1  grazie alla doppietta di Zlatan Ibrahimovic; inutile la rete nerazzurra di Lukaku. L’Inter si vendicò al ritorno: 3-0 con doppietta di Lautaro Martinez e gol di Lukaku.

QUI MILAN – Pioli recupera Ballo-Touré, Florenzi, Rebic e Pellegri ma dovrà fare i conti con gli infortuni Romagnoli, Maignan, Plizzari e con la squalifica di Theo Hernandez. Il tecnico rossonero dovrebbe mandare in campo la squadra col modulo 4-2-3-1 com Tatarusanu in porta e difesa composta dalla coppia centrale Tomori-Kjaer   e ai lati da Calabria e Kalulu. In mediana Kessié e Tonali. Sulla trequarti Krunic (in vantaggio su Saelemaekers), Brahim Diaz e Leao, di supporto all’unica punta Ibrahimovic, in vantaggio su Giroud.

QUI INTER – Simone Inzaghi potrebbe far scendere la squadra in campo con il modulo 3-5-2. Quindi, in porta Handanovic e difesa composta da Skriniar, De Vrij e Bastoni. In cabina di regia Brozovic con Barella e Calhanoglu; sulle corsie Darmian e Di Marco. Davanti Lautaro Martinez e Dzeko.

Le probabili formazioni di Milan – Inter

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Tomori, Kalulu; Kessie, Tonali; Krunic, Brahim Diaz, Leao; Ibrahimovic. Allenatore: Pioli

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Dimarco; Lautaro Martinez, Dzeko. Allenatore: Inzaghi

Curiosità

Edin Dzeko ha realizzato cinque gol contro il Milan in campionato, quattro di questi sono arrivati al Meazza. A partire dalla sua prima stagione in Serie A (dal 2015/16), il bosniaco è il calciatore che ha segnato più reti (quattro) in trasferta contro i rossoneri nel torneo. Soltanto Mattia Destro (quattro) ha segnato più gol di testa di Edin Dzeko (tre) in questa Serie A; il bosniaco ha fatto meglio con questo fondamentale solo nelle stagioni 2019/20 (sei) e 2017/18 (cinque).

Il Milan è la vittima preferita di Joaquín Correa in Serie A: quattro gol. El Tucu ha realizzato una doppietta in ciascuna delle ultime quattro occasioni in cui ha trovato la rete in campionato, inclusi i due gol contro i rossoneri con la maglia della Lazio nell’aprile 2021. Nicolò Barella è il giocatore con più assist (cinque) in questo campionato; il centrocampista classe ’97 è il giocatore dell’Inter che ha preso parte a più conclusioni in questo campionato: 42 (22 tiri e 20 occasioni create). Lautaro Martínez ha preso parte a quattro reti (tre gol, un assist) in quattro sfide contro il Milan in Serie A, inclusa la sua ultima doppietta nella competizione (febbraio 2021). Ivan Perisic ha esordito in Serie A contro il Milan nel settembre 2015 – contro i rossoneri ha servito cinque assist nel massimo campionato: più che contro qualsiasi altra avversaria. Sarà la 200ª presenza in Serie A per Stefan de Vrij e la 100ª per Alessandro Bastoni – il centrale olandese ha esordito nel massimo campionato proprio contro il Milan, nell’agosto 2014, con la maglia della Lazio. Con una presenza in questo match, Samir Handanovic raggiungerà Gianni Rivera all’11º posto nella classifica dei più presenti giocatori in Serie A, a quota 527 presenze.. Zlatan Ibrahimović è il giocatore in attività con più reti nei Derby della Madonnina in Serie A: otto, sei in maglia rossonera e due sponda nerazzurra. Sarà la 50° presenza con la maglia del Milan in tutte le competizioni per Brahim Díaz; lo spagnolo ha giocato 60 minuti in totale contro l’Inter da quando è in rossonero, nella gara di Coppa Italia nel gennaio 2021. In questa sfida, Olivier Giroud potrebbe diventare il secondo milanista a trovare il gol in tutte le sue prime quattro presenze interne di Serie A nell’era dei tre punti a vittoria dopo Balotelli nel 2013 (già al momento sono gli unici due a esserci riusciti nelle prime tre).

Dove vederla in TV ed in streaming

L’incontro Milan – Inter, valido per la dodicesima giornata del campionato di 2021/2022,  verrà trasmesso in diretta ed in esclusiva su DAZN. Sarà visibile per i suoi utenti anche sulle smart tv di ultima generazione compatibili con la app, e, sempre grazie all’applicazione, su tutti i televisori collegati ad una console PlayStation 4/5 o Xbox (One, One S, One X, Series X, Series S), al TIMVISION BOX oppure ad un dispositivo Google Chromecast o Amazon Fire TV Stick. Gli utenti DAZN che lo preferissero potranno vedere Milan – Inter in diretta streaming anche sui dispositivi mobili quali smartphone e tablet, scaricando la app per sistemi iOS e Android, e sul proprio personal computer o notebook, in questo caso semplicemente collegandosi con il sito ufficiale della piattaforma. Dopo il fischio finale gli highlights della gara e l’evento integrale saranno a disposizione per la visione on demand.

Articoli correlati