Milan: l’attacco fatica, il peso dell’assenza di Balotelli

logo-milanManca soltanto una partita per decretare la fine di un aprile abbastanza difficile da digerire per i tanti cuori rossoneri. L’ambiente, tuttavia, alla vigilia del trittico “infernale”, era carico e conosceva bene l’importanza di uno dei mesi cruciali per la lotta al posto Champions. Ciò che attira di più l’attenzione all’interno dell’occhio del ciclone a cui il Milan è stato sottoposto in questi trenta giorni, oltre ai soli 2 punti raccolti contro le prime due squadre del campionato e la quarta, è la quantita di gol realizzati e soprattutto gli autori degli stessi. A Firenze, infatti, nonostante la presenza in campo di Balotelli, El Shaarawy e Boateng, ad andare in gol sono stati due centrocampisti, ossia Montolivo e Flamini. Stessa cosa accaduta contro il Napoli: a trafiggere la porta difesa da De Sanctis è stato sempre il centrocampist francese al secondo gol consecutivo dopo una stagione fatta più di bassi che di alti. Certo, l’assenze per squalifica di Balotelli, unita a quella “punitiva” di El Shaarawy, hanno influenzato molto l’andamento di gara contro i campani, ma anche a Torino, con il Faraone in campo, il Milan, almeno in avanti, non ha dato alcun segnale di vita.

Per trovare un sussulto rossonero firmato da uno dei nostri attaccanti, bisogna ritornare alla gara interna giocata con il Palermo: era stato Balotelli ad archiviare la pratica rosa con una bella doppietta. Ma anche prima, ossia nella sfida del Sabato Santo (30 marzo, ndr) giocata a Verona al cospetto del Chievo, era stato sempre un centrocampista a regalare la vittoria al Milan: Riccardo Montolivo. Facile trarre delle conclusioni significative relative al reparto offensivo rossonero: senza Balotelli, con il calo fisico (altamente prevedibile e giustificabile) del Faraone, con Niang ancora a “secco” in questo campionato e con Boateng irriconoscibile in zona gol, il Milan fa fatica a “buttarla dentro”. Senza i tanto ostentati gol dei centrocampisti, aprile sarebbe stato un mese ancora più “caldo” del previsto. Con il Catania rientrerà Balotelli. I soli 4 gol segnati in un mese, però, fanno riflettere. Sicuro servi soltanto il ritorno di SuperMario per scacciare via la crisi offensiva?

[Carmine D’Avino – Fonte: www.ilveromilanista.it]