Milan, Nesta è ancora un leader. L’Inter non ha accantonato Sneijder e Pazzini

L’inizio del campionato non poteva essere più divertente. Milan-Lazio è stata una bellissima partita, fatta di tanti gol e giocate da leccarsi i baffi. Ovviamente per gli amanti della tattica non potrebbe mai essere un match da prendere come esempio, ma per noi tifosi è stata una grande partita. La prova che gli attacchi hanno avuto la meglio sulle difese, con Ibra e Cassano da un lato, Klose e Cissè dall’altro. E’ anche vero che la difesa del Milan ha subito 2 gol a causa degli errori di Nesta, ma il romano ha risolto sul 2-2 quando Cissè si stava involando verso la porta sguarnita. Il salvataggio di Nesta equivale ad un gol. Secondo me non si può mettere in discussione un giocatore del genere solo per una partita storta, anche perché nel secondo tempo si è riscattato alla grande. A centrocampo va segnalata la buona prova di Alberto Aquilani, anche se ha giocato da esterno sinistro, non ha sfigurato.

Oggi vedremo all’opera anche l’Inter. I cugini sono ancora i diretti avversari del Milan, la formazione con maggiore classe. A partire dal quel campione che è Wesley Sneijder, amato dai tifosi e compagni. L’olandese probabilmente inizierà dalla panchina, ma non per una bocciatura, semplicemente perché la Champions League ti impone di fare turnover. Probabilmente anche Pazzini si accomoderà in panchina, anche per il bomber ex Samp si tratta di riposo precauzionale. Nonostante tutto il dilemma Snejider ci sarà sempre perché nel 3-4-3 di Gasperini sarà complicato inserirlo. L’Inter poi giocherà a Palermo, solitamente una partita mai facile. I rosanero inoltre hanno cambiato molto, subendo anche critiche dai tifosi, quindi la squadra di Mangia ha voglia di stupire, dare una dimostrazione a tutti che il Palermo non sarà la squadra materasso.

La Juve sa bene che questo potrebbe essere l’anno della rinascita. La cerimonia inaugurale allo Juventus Stadium simboleggia il nuovo corso della celebra squadra italiana con anni di storia e vittorie alle spalle. Conte sente molto la sua “missione” bianconera e per questo cerca di dare il 110% in tutto quello che fa. Agnelli è fiducioso, i tifosi anche, alla fine sarà il campo a dare il vero responso. Il Parma non è una squadra facile da battere, soprattutto dopo i rinforzi estivi, però l’entusiasmo dei tifosi bianconeri è contagioso, l’apertura del nuovo stadio è come se avesse risanato le ferite del passato e dato nuova linfa ai sostenitori della Vecchia Signora.

Chi invece va avanti per la propria strada senza ascoltare voci è il Napoli. Gli azzurri hanno liquidato la pratica Cesena senza neanche troppi patemi. Il solito Hamisk ha cambiato il volto alla gara con assist e gol. Un giocatore formidabile, era lui forse il vero mister X del Milan. Occhio a questa squadra che gioca a memoria. Dico che Milan, Inter e Juve devono guardarsi bene dal lasciare punti per strada.

[Malu’ Mpasinkatu – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]