Bari, c’è molto da lavorare. Ma nessun processo sommario

È appena iniziato, siamo alla quarta giornata di un campionato lungo, forse troppo, inizato a fine agosto e che terminerà a fine maggio senza considerare gli eventuali play-off e siamo già ai processi sommari.

È tipico nel calcio, e forse ancora di piu nella piazza barese: basta un solo passo falso o qualcosa che comunque non va nel verso giusto che comincia già a serpeggiare il malcontento, la delusione, le critiche. Ad onore del vero c’è da dire che la piazza barese è ancora scottata dall’ultima, amara retrocessione in serie B condita da una fase in cui si è rischiato di iniziare il nuovo campionato con una penalizzazione per inadempimenti amministrativi o addirittura di andare vicino alla mancata iscrizione al campionato. Tutto questo, come se non bastassero i numerosi, troppi anni anonimi trascorsi in serie B, rappresenta

una giustifica quando non un alibi per il tifoso barese per porsi nei confronti della squadra con un atteggiamento, diciamo cosi, critico se non severo a priori.

Ecco spiegato il fiume di critiche e di non celate contestazioni ad una squadra, ad un attacco e anche ad un tecnico per le due sconfitte consecutive, inaspettate soprattutto per come sono arrivate. Comprendiamo e rispettiamo tutti i pareri negativi e non ma processare, criticare ed emettere già i giudizi piu severi ci sembra davvero esagerato! Certamente non stanno brillando, ci sono dei problemi di integrazione tra “vecchi” e ultimi arrivati, certamente l’attacco sente la pressione psicologica ma era prevedibile vista la rivoluzione che il Bari ha dovuto subire in sede di calciomercato e arrivare a dire che con questa squadra si retrocede e che Torrente non sia un tecnico all’altezza sembra alquanto ingeneroso. Lasciamoli lavorare in pace, lasciamoli fare una attenta analisi al fine di diagnosticare i punti di forza e di debolezza della squadra e diamogli il tempo di adottare le opportune contromisure.

Torrente, persona seria e preparata, e che merita tutto il nostro rispetto, ha visto la squadra in crescita, una buona prestazione contro una candidata alla promozione ma che, molto onestamente, non si è nascosto davanti ai problemi soprattutto nella fase di attacco. Dobbiamo avere fiducia, i presupposti ci sono tutti.

[Pierluigi Passaro – Fonte: www.tuttobari.com]