Milan: zeru mercato, zeru euri, zeru tituli

Come volevasi dimostrare. Oduamadi, Albertazzi e Zigoni, tre dei giovani fenomeni che dovevano far risorgere il Milan dalle ceneri, saranno ceduti in comproprietà al Genoa. L’ennesima bugia della dirigenza. I “primavera” restano carne da macello e da plusvalenza.

Questo è l’unico obiettivo del progetto giovani. Il mercato 2010-2011, ai primi di luglio, puo’ essere definito con un solo aggettivo: ridicolo, con tutto il rispetto per il dignitoso Yepes.  “Se non parte nessuno, non arriva nessuno”, ripete Galliani. A centrocampo sono in 6 per quattro posti:  Gattuso, Ambrosini, Flamini, Pirlo, Seedorf e Ronaldinho. Mancano almeno due pedine, nessuno lo dice. Già, c’è Jankulovski che può giocare da interno e probabilmente l’Inter ci costringerà a tenere Mancini un altro anno. Come non detto. Non sogno scudetti e coppe.

Sogno solamente il 20 luglio. Sogno di vedere le auto di Kaladze, Oddo e Jankulovski bersaglio del lancio di pomodori, cavoli e ortaggi assortiti dai tifosi (niente violenza, per carità). Vedere gli stessi entrare sul campo di allenamento e fatti oggetto di cori di insulto e di fischi. Mi obietterete: che sogno meschino. Oramai è rimasto solo questo, dopo un anno passato a gufare, vanamente, l’Inter. Penso a Lotito. Cosa farebbe il vulcanico e latinista presidente della Lazio con questi tre giocatori ? Li farebbe convocare solamente per le trasferte e poi li spedirebbe in tribuna ? Li manderebbe ad allenarsi con gli allievi ? Torniamo alla realtà. Alla fine mister Allegri dovrà tenere giocoforza in considerazione questi tre signori. La rosa del Milan è esigua. Troppi giocatori anziani e a rischio infortunio. Si implora la cessione di Huntelaar, ma l’olandese libererebbe solamente un posto in attacco. Al Milan servono iniezioni di gioventu’ e robustezza in difesa e centrocampo. Un terzino, un centrale, un mediano, un centrocampista duttile e abile negli inserimenti offensivi. La dirigenza tentenna anche su Onyewu. Detto di Kaladze, corpo estraneo, detto della fragilità di Bonera e Nesta, converrà impiegare una riserva della tremabonda difesa americana?

Si ceda in prestito il colosso e si prenda un bel difensore. La legge gallianea verrebbe rispettata. Scherziamo naturalmente, sappiamo bene che il budget del mercato del Milan è di zero euro. Zeru euro, zeru tituli. E Ronaldinho ? Il Milan lo venderebbe di corsa, se ci fosse qualche bizzarro presidente pronto ad investire, nel solo cartellino, qualche milioncino di euro. Il brasiliano, che nel frattempo espone la sua pancia da fuoriclasse sulle spiagge, lo immaginiamo motivatissimo per il prossimo anno. Trotterellerà in campo attendendo la scadenza del contratto, per poi andare in pensione a Dubai o in America. Allegri avrebbe provato a chiedere Ledesma: figuriamoci. Ledesma è già dell’Inter. Cambierà qualcosa da qui al 31 agosto ? Le premesse spingono verso una risposta negativa. Fra un’estate per quale motivo ci struggeremo sotto l’ombrellone ? Una mezza dozzina di giocatori da sostituire come, con budget di mercato a zero euro ? Con ultratrentenni gratuiti ? Povero Milan, come ti hanno ridotto. Il problema è che la spazzatura di Napoli e Palermo la puoi nascondere e qualcuno ci crede pure. Non si può nascondere invece il declino del Milan. Il campo parla.

[Riccardo Giannini – Fonte: www.dnamilan.com]