Napoli – Bari 2-2: noia e lampi di distrazione, pari giusto al San Paolo

212

Al San Paolo di Napoli i padroni di casa ospitano il Bari di Ventura, primo allenatore dei partenopei nell’era De Laurentis. A Fuorigrotta, manca il pubblico delle grandi occasioni, probabilmente a causa dei dubbi della tifoseria partenopea riguardanti le strategie di mercato della società. L’avvio di gara vede il Napoli gestire la manovra senza mai impensierire la difesa pugliese. Di contro il Bari riesce ad imbrigliare gli azzurri con la solita palla dietro per Gillet con ripartenze veloci a centrocampo.

Le emozioni latitano fino al 13′ quando il Bari si porta in vantaggio: Parisi calcia un calcio d’angolo dalla destra, la difesa del Napoli si fa trovare impreparata e Barreto sulla linea della porta anticipa Grava, siglando l’uno a zero su una clamorosa dormita della retroguardia di casa. Al 28’Cannavaro e soci ballano ancora e il Bari va vicino al raddoppio con Barreto che dalla destra, trova un diagonale perfetto che finisce sul palo interno. Gol fallito gol subito: sul riversamento di fronte, Hamsik lavora un ottimo pallone in area e serve Cavani che senza problemi spiazza Gillet, firmando la prima rete davanti al suo nuovo pubblico.

Avvio di stagione strepitoso per l’uruguayano, autore di 4 delle 5 reti degli azzurri. Nel secondo tempo il Bari entra in campo senza Barreto, ma continua ad impensierire il Napoli: al 50′ occasionissima per Almiron che a tu per tu con De Sanctis cicca il pallone. La seconda frazione annoia il pubblico partenopeo, allora Mazzarri cerca di dare una svolta inserendo il nuovo acquisto Sosa. La mossa risulta azzeccata, infatti al 86′ proprio l’argentino innesca Lavezzi sulla destra, che crossa in area di prima intenzione e trova l’inserimento di “Capitan” Cannavaro che fa 2 a 1. Esplode il San Paolo, ma dopo un solo minuto i pugliesi trovano il pari: sull’ennesimo inserimento di Almiron, la difesa del Napoli si fa trovare ancora una volta impreparata e Castillo non deve far altro che poggiare in rete l’ottimo assist del compagno. Finisce 2 a 2, risultato tutto sommato giusto, viste le occasioni avute da ambo le parti. Per gli azzurri rimane l’amaro in bocca per aver perso i tre punti a causa di un’incredibile ingenuità.

[Fabio Cimmino – Fonte: www.tuttonapoli.net]

Articoli correlati