Napoli-Bologna 4-1: Gli azzurri calano il Poker! Napoli sempre più terzo

Vittoria schiacciante e fin troppo facile per il Napoli. Gli azzurri, di nuovo soli al terzo posto in classifica, ritrovano Maggio e Hamsik in zona gol e Cavani riaggancia Eto’o in testa alla classifica marcatori. Mazzarri lancia “finalmente” Santacroce dal primo minuto, mentre in attacco niente turn over, con il trio delle meraviglie, Lavezzi-Hamsik-Cavani, confermatissimo. Pronti via e il Napoli passa subito in vantaggio: al 3′ angolo per i partenopei, in area svetta Maggio che batte Viviano con un preciso tocco di testa.

L’esterno azzurro sigla il suo terzo gol consecutivo contro i bolognesi al San Paolo. Lavezzi come al solito delizia i tifosi partenopei con numeri da fuoriclasse, come quando supera con una magia Portanova sulla fascia sinistra. Il Bologna tenta di alzare il ritmo, ma la testa sembra essere davvero rivolta ai problemi societari, piuttosto che alla sfida con gli azzurri.

Gli uomini di Malesani sbagliano tantissimo in fase d’impostazione, i partenopei così ne approfittano e fanno 2-0 con Hamsik al 37′: sugli sviluppi di un contropiede architettato da Lavezzi e Cavani, lo slovacco controlla al limite e calcia di sinistro battendo Viviano grazie ad una deviazione di Garics. Nella ripresa Malesani cerca di cambiare qualcosa, inserendo Meggiorini e Siligardi, ma il copione rimane lo stesso. Sul primo corner della ripresa arriva il tris del Napoli, ancora con Hamsik che approfitta di una serie di tocchi in area e poggia in rete a due passi dalla porta.

Il Bologna riesce almeno ad accorciare al 68′ con Meggiorini che di testa batte De Sanctis, ma il Napoli non si impensierisce, e continua a giocare sul velluto con un Lavezzi che sembra davvero imprendibile per la difesa emiliana. Al 74’ ci pensa Cavani a chiudere definitivamente i conti: Sosa innescato manco a dirlo da Lavezzi crossa benissimo per Cavani che di prima gira in rete il suo nono gol stagionale. Finisce sulle note di “O’ surdato nnammurat”, Napoli terzo a quota 24 punti a meno 5 dal Milan capolista. Il popolo napoletano sogna ad occhi aperti, mentre De Laurentiis cerca di gettare acqua sul fuoco. E’ partito il secondo quinquennio “Alla fine mi direte se ho fatto bene o male”.

[Fabio Cimmino – Fonte: www.tuttonapoli.net]