Nazionale: Conte nuovo ct, i dettagli dell’operazione

208

logo-figcDa giovedì Antonio Conte è ufficialmente il nuovo CT della Nazionale Italiana. Il fresco ex tecnico bianconero si siederà dunque sulla panchina più complicata e criticata del calcio nostrano, nella speranza di riportare in alto gli azzurri dopo la deludente spedizione brasiliana dello scorso giugno. Per farlo, l’allenatore pugliese ha firmato un contratto di due anni, con l’obiettivo di almeno pareggiare il risultato raggiunto dalla truppa di Prandelli nello scorso europeo, ovvero arrivare in finale.

A tal proposito, infatti, nell’accordo tra Figc e Conte, ci sono diversi bonus: la qualificazione ad Euro 2016 gli varrà un supplemento da circa 1 milione di euro, mentre l’eventuale partecipazione alla finalissima della rassegna continentale ed il miglioramento del ranking di almeno 5 posizioni frutterebbero nelle tasche dell’ex capitano bianconero 500.000 euro in più ad obiettivo.

Questi, però, sono soltanto i contorni di un contratto che per un selezionatore azzurro ha il sapore di un accordo faraonico: oltre ai due milioni di euro che gli corrisponderà la Federazione, infatti, (pari alla somma degli stipendi di Prandelli e Sacchi, di cui rileverà entrambe le mansioni) Antonio Conte percepirà altri due milioni direttamente investiti dallo sponsor tecnico tedesco della nostra Nazionale, ovvero la Puma, che ha così reso possibile accontentare le richieste del tecnico.

Ora, al tre volte Campione d’Italia (da allenatore) con la Juventus non resta che rispettare le attese e ripagare la fiducia mostrata da Federazione e sponsor sotto forma di denaro sonante.

[Andrea Uttieri – Fonte: www.goalnews24.eu]