Palermo, Rossi: “le cabale vanno ribaltate, giocare ogni tre giorni leva smalto, ma torneremo a vincere, anche in casa”

Il tecnico del Palermo, Delio Rossi, attraverso le colonne della Gazzetta dello Sport, prova a spiegare i perchè di un Palermo, che quest’anno, non è partito come, anche lui si aspettava, e come lui, anche il Presidente e più in generale, tuttta la tifoseria rosanero.

Ma soprattutto, il tecnico rosanero fa il punto su come mai, questa squadra, che nelle ultime due stagioni, aveva fatto del Barbera, il suo campo di battaglia, adesso, proprio in casa sembra stentare. “Un pò sono sorpreso, perchè la scorsa stagione dopo alcune titubanze, eravamo giunti ad un punto che sembrava giocassimo col pilota automatico. Le cabale, a volte vanno ribaltate.

Io dico che bisogna avere fiducia perchè questa squadra tornerà presto, a vincere, anche in casa”. Scendendo nel particolare dell’ultima partita casalinga, pareggiata, in zona Cesarini, in extremis, Rossi dice: “Quando il Lecce ci ha segnato il primo gol, ha messo la partita nel modo in cui sperava ed ovviamente, colpiti a freddo, abbiamo perso un pò di lucidità, poi nel secondo tempo noi abbiamo giocato meglio e abbiamo tirato fuori un gran carattere che ci ha permesso di riacciffare il risultato.

In più, sapevano che giocare ogni tre giorni, toglie smalto alla squadra e l’unico modo perchè non succeda è avere dei ricambi all’altezza dei titolari, cosa che a noi non è concessa, per varie situazioni, e soprattutto perchè, molti giocatori si sono aggiunti alla fine e si stanno ancora inserendo. Inoltre, il fatto di giocare con più moduli, cosa buona da un lato, necessita di tempo da parte dei miei ragazzi, per assimilare certi concetti, e questo dunque, può portare alle nostre partenze, un pò stentate”.

[Maria Concetta Casales – Fonte: www.tuttopalermo.net]