Pescara-Sampdoria 2-3: Maxi non solo Lopez …

PESCARA – Una doppietta del suo bomber ed una prestazione di buon livello di diversi interpreti regala il terzo successo consecutivo in campionato alla compagine di Ferrara. La gara disputata all’Adriatico è una dimostrazione di perfetto cinismo e di buona lettura tattica. Contro un Delfino alla disperata ricerca di far punti e con tanta grinta, soprattutto nella prima mezzora di gioco, non era facile uscire con un brillante successo. Sulla falsariga della gara vista tra Pescara ed Inter anche in questo caso gli ospiti sono stati sapienti nel lasciare “sfogare” l’avversario e nello scegliere il tempo giusto per colpire. Di pregevole fattura le marcature da entrambe le parti.

Sul primo gol blucerchiato è Obiang ad inventare un pallone filtrante per Eder, altruista nel servire Lopez a centroarea, libero di colpire a porta sguarnita. Quindi il raddoppio con Estigarribia lanciato del neoentrato Kristic che da posizione defilata colpisce in diagonale. Quindi è il Pescara con il suo uomo più rappresentativo, Quintero, a dare il là alla prima marcatura ad opera di Celik che in area fredda Berni con un preciso rasoterra. La Samp però è abile a ristabilire subito il doppio vantaggio ancora con Lopez questa volta servito da Soriano. I biancoazzurri mettono però la firma del 2-3 con Caprari che inventa una pregevole conclusione da fuori area. Troppo tardi per le speranze del Pescara che deve piegarsi alle giocate vincenti dei liguri.

leggi l’approfondimento: Pescara-Sampdoria 2-3: liguri spietati, dannata regola del tre!