Pescara tris da Serie A

Gli uomini di Zeman incantano anche Genova e tornano nell’olimpo del calcio italiano

GENOVA – Vedere il Pescara è come assistere ad un bel film, emozionante e spesso con il lieto fine come nella conclusione della trasferta di “Marassi” che permette agli uomini di Zeman di conquistare la promozione con una giornata di anticipo. Gara tutt’altro che facile per i risultati delle avversarie che hanno tutte centrato i tre punti e contro un avversario lanciatissimo allo sprint finale.

Ne è venuta fuori una partita molto vivace dove ai biancoazzurri va riconosciuto il merito di aver saputo soffrire l’avvio veemente dei padroni di casa e cinico nel colpire con le perle di Caprari e la caparbietà di Immobile.

Nella prima frazione di gioco dopo un paio di buone occasioni della Samp con Pozzi all’11’ ed al 13′, vede la squadra abruzzese passare con Caprari che al 19′ chiude in porta una perfetta apertura di Verratti. Dieci minuti dopo raddoppio di Immobile che sfrutta un errato disimpegno di Romero che gli calcia addosso. Samp stordita e che rischia il tracollo ma che sul finale di tempo guadagna un “generoso” rigore con Pozzi che tuttavia centra l’esterno del palo alla sinistra di Anania.

Nella ripresa ritmi più bassi con gli uomini di Zeman che controllano senza grossi affanni le offensive doriane e che colpiscono al 15′ ancora con Caprari che in area si libera di Costa e Gastaldello depositando il pallone con un diagonale in rete. Da qui la gara va scemando con gli oltre 700 tifosi del Pescara a preparare la festa e la Samp che ha un guizzo con Juan Antonio a 7 minuti dalla fine.

Biancoazzuri in serie A dopo 20 anni al termine di un’esaltante stagione fatta di tanti successi e record. Per la Samp la testa ai playoff dove se la giocherà con Varese, Sassuolo e Verona.

TABELLINO:

SAMPDORIA (4-3-1-2): Romero; Rispoli, Gastaldello, Rossini, Costa (dal 19′ st Fornaroli); Munari, Obiang, Renan; Foggia (dal 20′ st Juan Antonio); Pozzi (dal 27′ st Krsticic), Icardi. In panchina: Da Costa, Volta, Gentsoglou, Laczko. All.: Iachini

PESCARA (4-3-3): Anania; Balzano, Brosco, Capuano, Bocchetti; Nielsen, Verratti, Cascione; Caprari (dal 24′ st Sansovini), Immobile, Insigne (dal 40′ st Kone). In panchina: Ragni, Zanon, Gessa, Maniero, Perrotta. All.: Zeman

Arbitro: Tommasi diBassno del Grappa (Meli e Longo, IV Uomo Merchiori)

Reti: 19′ pt Caprari, 29′ pt Immobile, 15′ st Caprari, 37′ st Juan Antonio

Ammoniti: Caprari, Nielsen, Anania, Cascione

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa.