Preziosi: «Se Kharja e Veloso non si svegliano saranno ceduti a gennaio»

«Queste partite vanno chiuse subito poiché ci si stanca e si rischiano brutte figure». Enrico Preziosi è parzialmente soddisfatto della vittoria ottenuta stasera dal Genoa contro il Vicenza. Il presidente ha però dato una risposta stizzita riguardo a Veloso che non ha fornito una prestazione all’altezza. «Ci sono dei giocatori che non hanno capito come si gioca a Genova: il mercato di gennaio sarà l’occasione per farglielo capire meglio. Se qualcuno pensa di venire a fare le passeggiate perché sono nazionali si sbagliano di grosso.

Ci sono due-tre situazioni abbastanza antipatiche e vanno risolte al più presto: qui non c’è lo spazio e il tempo per venire a svernare. Per me sono meglio gli asini che corrono piuttosto che avere cavalli fermi, anche perché ci costano molto». Il presidente rincara la dose anche per un altro giocatore: «In rosa ci sono giocatori di 30-35 anni come Milanetto e Toni che corrono e non possiamo accettare che altri non lo facciano. Ci sono alcuni componenti del centrocampo come Kharja che sono abbastanza deludenti e Veloso: se pensano di stare a lungo qui si sbagliano completamente».

Poi il patron rossoblù torna a parlare della partita di stasera. «Siamo andati ai supplementari come l’altra volta: la prima passi la seconda dovevamo evitarlo» prosegue il presidente. «I giocatori dovevano metterci qualcosa in più nel primo tempo: hanno dimostrato scarsa personalità». Un esempio è Tomovic: «Nel primo tempo ha giocato male, ma ha disputato una grande ripresa. Ha bisogno di giocare e di carburare: però non possiamo rischiare. La colpa non è di nessuno, ma quando incontriamo squadre come il Vicenza dobbiamo dimostrare maggiore personalità e avere un pizzico di cattiveria». Il presidente sottolinea che «non dovevamo aspettare di essere in vantaggio per giocare, dovevamo giocare subito al meglio».

Il numero uno rossoblù giudica positiva la prestazione di Toni. «Speriamo che faccia lo stesso gesto della mano se segnerà a Brescia, dove lui ha giocato». «A Brescia troveremo un ambiente molto caldo e dovremo avere maggiore personalità. Altrimenti torneremo a casa nuovamente sconfitti».

Una battuta riguardo al mercato. «Hallenius verrà sicuramente a dicembre – conclude il presidente – e farà le visite mediche. Bisogna pensarci bene per qualche innesto a centrocampo: o i nostri si svegliano oppure saranno sostituiti».

[Marco Liguori – Fonte: www.pianetagenoa1893.net ]