Roma, Zaniolo: “Vorrei diventare una bandiera di questo club”

218

roma bandiera

Le parole di Nicolò Zaniolo, talento della Roma, nel corso di una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport.

ROMA – Nicolò Zaniolo ha concesso una lunga intervista ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole a cominciare dalle sue condizioni: “Sto molto bene, dal giorno dell’infortunio sono migliorato. Non è che la mia vita sia cambiata molto da quel giorno, il ginocchio risponde bene e spero di continuare così. “Non nascondo che i primi 2-3 giorni ho fatto fatica a carburare, per me è stata una doccia fredda, mi sono subito accorto che era una cosa grave. Ho metabolizzato il tutto e ora penso solo a recuperare, lo sto facendo e devo continuare a farlo”.

Un ritorno nel gruppo a maggio? Il classe ’99 ha risposto così: “Ora siamo al terzo mese e non so bene le dinamiche. Io penso che sia meglio un giorno in più che un giorno in meno, devo stabilizzare il ginocchio al 100%, poi se ci sarà l’occasione sarò felice di chiudere il campionato giocando”. E sul futuro ha aggiunto: “Totti per me e per tutti è il simbolo di Roma, ma anche De Rossi. Difficile eguagliarli. A me piacerebbe diventare una bandiera della Roma, ma ora devo rientrare e pensare a giocare. La mia intenzione è quella di rimanere qui il più a lungo possibile. A Roma devo tutto, sono innamorato di questa città”.

Su Fonseca ha dichiarato: Il feeling con Fonseca? Ero reduce dall’Europeo Under 21 e sono arrivato 4-5 giorni dopo la squadra. Fonseca mi ha subito parlato, mi ha detto dove migliorare e ho seguito le sue indicazioni, è una persona fantastica, dice le cose in faccia e penso sia il tecnico adatto per noi”. E infine: “Cosa è mancato alla Roma in questa stagione? “Per me c’è mancato il coraggio di fare la giocata, quindi le partite diventavano prevedibili da parte nostra. Nell’ultimo periodo ci siamo un po’ ripresi, a Cagliari abbiamo giocato bene e vinto”.

Articoli correlati