Samir Handanovic: “Attenzione, compattezza e carattere”

555

Per il numero uno sloveno il momento sembra essere propizio. Una sola rete subita negli ultimi quattro incontri disputati tra campionato e qualificazioni all’europeo. L’unica marcatura, per giunta ininfluente, l’ha messa a segno l’attaccante delle Far Oer Mouritsen sul risultato di 5 a 0 per la Slovenia.
“L’Udinese ha cambiato mentalità, prima pensavamo più ad offendere che a difendere, ora invece stiamo attenti a non subire gol. La squadra è compatta e in questo momento tutto sembra girare nel verso giusto”.

Il portiere bianconero è stato il migliore dei suoi nel match in Estonia in cui i biancoverdi hanno conquistato i tre punti grazie ad una autorete di Sidorenkov: “Credo di aver sbagliato in una sola circostanza dall’inizio del campionato, in occasione del primo gol subito nella gara contro la Juventus. Mi alleno sempre con la stessa serietà e con il massimo impegno tanto con l’Udinese quanto in Nazionale”.

Per gli undici di Guidolin si avvicina il delicato impegno in casa del Brescia: “Affrontiamo una squadra bella tosta che ha fame ed è composta da buoni giocatori. Sono partiti molto bene e credo che non sarà facile per nessuno andare a fare risultato al “Rodomonti” quest’anno. Noi siamo sulla strada giusta, dobbiamo metterci attenzione, compattezza e carattere. Quando crei tante occasioni da gol e non le concretizzi vedi la vittoria come una liberazione, ma se non subisci reti il risultato può essere solo in attivo”.

Dopo gli scontri di Genova e l’annullamento di Italia-Serbia, la Slovenia sembra essere in corsa più che mai per la qualificazione: “Ho giocato a Belgrado con la mia Nazionale, ma non ho avuto alcun tipo di problema. Nemmeno sugli spalti si sono verificati tafferugli. Non credo che ci sia un solo motivo alle origini degli incidenti di “Marassi”, la partita con l’Italia offre sempre una cassa di risonanza maggiore alle altre gare e alcuni individui hanno scelto di approfittare di questa situazione. Il calcio non ha nulla a che fare con certe cose. Questo è grave e preoccupante. Non mi sarei mai aspettato di vedere scene del genere”.

La Slovenia attualmente si trova in testa al girone con 7 punti insieme agli Azzurri di Prandelli: “Aspettiamo di vedere che decisione prende l’UEFA. Sicuramente se dovesse essere confermato il 3 a 0 a tavolino per l’Italia e se ci fosse una penalizzazione per la Serbia le chances della Slovenia aumenterebbero. Secondo me un’esclusione dalla competizione dei serbi non sarebbe giusta”.

Dopo quattro partite in cui l’Udinese non ha raccolto un punto, sono arrivati quattro punti contro Sampdoria e Cesena: “Alle volte capita di cominciare male ma anche di trovare qualche risultato positivo sulla strada. Noi invece fino alla quinta giornata siamo rimasti ancorati allo zero in classifica. Lo spogliatoio è solido e sta bene. Siamo tutti ragazzi seri e ci diamo una mano a vicenda”.

Sarà Caracciolo il pericolo pubblico numero uno? “Il Brescia ha un bel reparto di attaccanti. Non solo c’è solo “l’Airone”, pure Eder e Possanzini sono due attaccanti pericoloso e di categoria. Dobbiamo temere i nostri avversari dal primo all’ultimo e non concentrarci solo su alcuni individui”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]

Articoli correlati