Samp, Iachini: “Dovremmo affrontare il Pescara con l’applicazione, l’organizzazione e lo spirito che ci hanno permesso questa rimonta”

Era una Samp completamente diversa quella che cinque mesi fa sfidò timida e impaurita il Pescara di Zeman all'”Adriatico”. Terminò 1-0 per i padroni di casa grazie ad un gol di Sansovini. A due giornate dal termine della stagione regolare la Samp incontra di nuovo gli abruzzesi dopo un girone passato all’inseguimento del sesto posto, ritrovando sulla strada determinazione, gioco e carattere, caratteristiche trasmesse dal proprio timoniere, mister Iachini, il quale nella consueta conferenza stampa pre partita, ha suonato la carica:

“Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa – ha riportato il sito ufficiale della società -. Domani ci aspetta un impegno difficile, affronteremo una squadra ben rodata, che si conosce e che ha avuto tempo e modo di affinare i meccanismi grazie al gran lavoro di un allenatore come Zeman. Sarà una partita che dovremmo affrontare con l’applicazione, l’organizzazione e lo spirito che ci hanno permesso questa rimonta”.

Non ha mai nascosto la sua stima per il tecnico boemo. “Zeman lo reputo un maestro per quello che ha portato nell’ambiente calcio. È un allenatore che ammiro particolarmente e in diverse situazioni ho fatto come lui il 4-3-3: a Piacenza, a Verona, anche a Brescia e qui nelle prime partite. È un modulo che mi piace molto; ma al di là dell’aspetto tecnico Zeman lo stimo come persona, dice sempre quello che pensa, ha grande spessore umano”.

Che ne pensa dell’affiatamento dei biancazzurri in lotta per la promozione diretta? “Il Pescara è partito da luglio con determinate metodologie, ha avuto mesi per portare avanti dei concetti, per migliorare, per correggere gli errori. Noi, di contro, abbiamo dovuto accelerare il nostro processo di crescita, andando sempre a 300 all’ora e velocizzando l’apprendimento. Per come ragiono io anche se vinci una partita 7-0 c’è comunque qualcosa da rivedere. Non credo alla perfezione, ma penso che abbiamo ancora margini di miglioramento”.

Ha pensato a qualche contromisura particolare in settimana? “Noi fin dall’inizio parliamo di noi stessi, pensiamo a scendere in campo e a fare la nostra partita. Poi ci sono aspetti tattici che si possono modificare a seconda dell’avversario ma non influiscono troppo sulla nostra preparazione”.

Quanto influisce invece giocare in posticipo rispetto alle altre? Il varesino Maran si è lamentato. “Posso anche essere d’accordo col mio collega, ma questa è una realtà. È capitato anche a noi a Modena di anticipare. Volenti o nolenti dobbiamo adeguarci a questo calcio moderno, farci trovare pronti e allenarci e fare il meglio possibile quando siamo chiamati a giocare”.

Che idea si è fatto del rinvio della sentenza su Padova-Torino? “Mi hanno insegnato che le fortune non vanno costruite sulle disgrazie degli altri, da sportivo le ho sempre conquistate sul campo. Noi dobbiamo lavorare in quest’ottica”.

Passando a voi. Come stanno gli acciaccati? Eder? Percentuali di averlo a disposizione? “Percentuali sul recupero di Eder non se ne possono fare. Abbiamo ancora un allenamento, vedremo le valutazioni dello staff medico e poi si deciderà il da farsi. Munari, Obiang e Soriano sembrano sulla strada del recupero, le loro situazioni stanno migliorando notevolmente, ma pondereremo anche in questo caso. Siamo in un momento del campionato in cui va prestata attenzione su tutto. Valuteremo: se non ci saranno problemi magari Eder andrà in campo”.

La staffetta sulla trequarti sarà riproposta o crede che Juan Antonio e Foggia possano davvero coesistere? “Li conosco bene e conosco le qualità di entrambi. È chiaro che di volta in volta ho scelto o uno o l’altro, ma non è detto che non possano giocare insieme. Se parte uno titolare non è penalizzante per l’altro o viceversa. Non è detto che quello che va in panchina è meno bravo di quello che sta fuori anche perché mi riservo sempre qualche asso nella manica per cambiare la partita, per incidere su alcune situazioni. Abbiamo affrontato un certo tipo di campionato, ho valutato vantaggi e svantaggi. Ogni partita è diversa dall’altra, la filosofia è una soltanto: io penso al bene della squadra, non a quello del singolo”.

Un concetto che i suoi ragazzi sembrano aver appreso. Concorda? “Sì, una delle più belle cose è aver dato una certa mentalità a un gruppo che ha lasciato da parte gli aspetti individuali. Abbiamo abbassato l’età media, sono subentrati tanti giovani che sono il presente e il futuro della società e dei nostri tifosi. I più esperti poi hanno fatto da chioccia nel migliore dei modi. Solo questa è la strada dei risultati. Vedere un pubblico come il nostro soddisfatto per come scendiamo in campo ci inorgoglisce e ci dà ancora più spinta per continuare il nostro cammino”.

[Filipppo Montelatici – Fonte: www.sampdorianews.net]