Sampdoria già sul campo, solo contusione per Praet

335

GENOVA – La Sampdoria chiude il capitolo Juventus dopo la brusca battuta d’arresto di mercoledì sera nel turno infrasettimanale contro i bianconeri a Torino, che in verità li ha visti battuti con un risultato probabilmente troppo severo per quanto si è visto in campo.

Non è certo in partite come quella contro i campioni d’Italia che una compagine come quella blucerchiata mette sul proprio ruolino di marcia i 3 punti, e forse neppure 1, ma il 4-1 maturato è certamente un risultato severo.

Una concomitanza di eventi come il rientro in grande forma di Chiellini e il recupero in spolvero da grandi occasioni di Marchisio hanno consentito alla formazione di Allegri di evitare l’arma più importante della Sampdoria, ovvero la capacità di accorciare il campo con il pressing alto e la linea della difesa molto avanzata, per poi lanciare i suoi attaccanti con lanci lunghi o traversoni.

Le notizie positive in casa dei genovesi arrivano invece dalla prestazione comunque buona fornita da alcuni elementi, quali ad esempio i due giovani gioielli Praet e Schick che si sono salvati dal naufragio del risultato negativo.

In particolare quest’ultimo, che ha fatto temere per la sua integrità fisica per un brutto colpo alla schiena, pare si stia ritagliando un posto di preminenza nei pensieri di Giampaolo, come lo ha già conquistato nel cuore e nella considerazione di tifosi e di addetti ai lavori, e si propone come alternativa sia per il centrocampo che per Alvarez o Bruno Fernandes nel ruolo di trequartista.

La Samp ha già ripreso oggi gli allenamenti con il lavoro diversificato a gruppi a seconda del minutaggio trascorso allo Juventus Stadium.

Carbonero e Pavlovic stanno portando avanti il loro programma di recupero, mentre Viviano è ancora alle prese con le terapie e gli esercizi di potenziamento per l’infortunio al polso.

Domani sessione pomeridiana a porte chiuse a Bogliasco