Sampdoria: il poker di Giampaolo

401

GENOVA – Incontro a cena segreto tra il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero e il tecnico Giampaolo, durante il quale sarebbe maturato un accordo circa il futuro blucerchiato dell’allenatore. Lo rivela Il Secolo XIX.

La fiducia a Giampaolo sarebbe stata riconfermata, ma Ferrero, che già nei giorni scorsi non aveva fatto mistero della sua impazienza nel raccogliere i risultati degli investimenti effettuati dalla società, avrebbe chiesto una svolta nei risultati della compagine blucerchiata, fissando tra quattro gare un’ulteriore verifica.

Il poker di match previsti contro Pescara, Genoa, Juventus e Inter potrebbe quindi risultare determinante ai fini della permanenza del tecnico sulla panchina della Sampdoria. É curioso rilevare come il ciclo di quattro gare sia ricorrente in questa fase di “convivenza” tra Giampaolo e squadra blucerchiata, visto che era formata da quattro incontri anche la serie negativa di sconfitte della compagine genovese prima che venisse interrotta dal pareggio casalingo contro il Palermo, risultato che comunque Ferrero ha reputato non adeguato alle potenzialità della squadsra allestita in estate.

Non sarebbe quindi terminato l’esame a cui Giampaolo è attualmente sottoposto, anche se da parte della tifoseria sono arrivati numerosi messaggi alla società circa il credito che il tecnico ha preso il pubblico.

La posizione di Marco Giampaolo è veramente curiosa. Nonostante la crisi di risultati tra l’allenatore e i tifosi si è legata una simpatia e una considerazione delle sua capacità tecniche che va aldilà delle normali analisi che vengono effettuate in questi casi. Tuttavia una prosecuzione della striscia negativa che perdurasse anche nelle prossime 4 partite, tra cui non bisogna dimenticare c’è anche il derby, che per Genova costituisce il valore di un’intera stagione, potrebbe convincere anche la tifoseria organizzata ad un addio al tecnico.

Già la prossima partita potrebbe essere significativa circa la svolta che questa vicenda potrebbe prendere.