Sci, le parole degli azzurri dopo la discesa libera di Kizbuehel

57

montagna

Sulla Streif ha vinto Kilde. Il migliore degli italiani é stato Marsaglia, 12°; 17° Innerhofer e soltanto 27° Dominik Paris

KITZBUEHEL – Aleksandr Aamodt Kilde, dopo aver dominato la discesa libera di Wengen, cha vinto anche sulla Streif di Kitzbuhel. Al secondo posto si é classificato Johan Clarey; terzo, sceso con il pettorale numero 43, il francese Blaise Giezendanner, a soli 0.63 dal vincitori. Male gli italiani. Il migliore è stato Matteo Marsaglia, dodicesimo a 1.42 da Kilde. Quindicesimo Guglielmo Bosca, distante 1.65; diciassetteseimo, complice un errore nel tratto centrale della pista, Christof Innerhofer, a + 1.70. Ventiseiesimo Mattia Casse, soltanto ventisettesimo Dominik Paris.

Le parole dei discesisti azzurri al termine della gara maschile di Coppa del mondo andata in scena sulla Streif di Kitzbuehel:

Dominik Paris: “Si possono dire tante cose ma non ho sciato bene. È possibile che i primi numeri abbiano avuto minore visibilità, ma non cerco scuse: ho sciato male. Vediamo cosa succederà domenica, avremo un’altra possibilità”.

Christof Innerhofer:Ho sciato come ieri ma non andavo avanti: è stato pazzesco com’ero incollato. Sentivo in stradina come se rallentassi e a quel punto non son riuscito a riprendere velocità con questa neve fresca. In cima ero deciso, convinto, ho cercato di rischiare cercando di sciare in scioltezza e prendendomi i rischi che dovevo prendere ma in stradina avevo la sensazione di essere incollato. Arrivato alla partenza di ieri mi son sentito davvero fermo, domenica sarà un’altra giornata”.

Matteo Marsaglia: “Non mi consola essere il migliore degli italiani anche se è venuta fuori una discreta posizione e prestazione. Non siamo stati molto fortunati col meteo quando siamo scesi noi, non vuol essere una scusa però oggi è stato così. Son contento perché avrei dovuto fare meglio, soprattutto nella parte centrale ed essendo molto attaccati con 3 decimi potevo essere nei primi cinque. Non posso essere troppo dispiaciuto ma potevo fare ancora meglio. Il meteo non sembra bello per domenica ma noi ci speriamo”.

Guglielmo Bosca: “Sono contentissimo. Essere quindicesimo, al miglior risultato in carriera sulla Streif di Kitzbuehel è un’emozione enorme dopo tutto quello che ho passato negli ultimi anni. Qui ho esordito nel 2016, ma è stata la mia prima gara su questa pista e davvero non ci sono parole. E’ qualche anno che riesco a fare parziali, pezzi di pista tra i migliori man on sono mai riuscito a concretizzare. Questo risultato da un sacco di fiducia, sono i miei primi puniti in discesa: adesso ci riproveremo domenica”.