Crotone: un mercato che non decolla, una salvezza da conquistare, lo sfogo dell’allenatore, la sfida con il Bologna

454

Oggi la squadra di Nicola affronta il Bologna in una dedicata sfida salvezza

davide nicolaCROTONE – Era partito deciso il Crotone sul mercato, intenzionato a rafforzarsi in ogni reparto nel tentativo di continuare a lottare per rimanere in Serie A. Con tanti i nomi sul taccuino. Ma ad oggi nessuna trattativa é stata ancora conclusa.

Le difficoltà sul mercato

Sembrava vicino il ritorno di Budimir che finora nella Sampdoria non ha trovato spazio. Ma proprio quando la trattativa stava per decollare, il club blucerchiato, non avendo ancora individuato un sostituto, ha deciso di confermarlo. Sembrava imminente l’arrivo in prestito dall’Inter di Gnoukouri ma il centrocampista ghanese non ha ancora dato riscontro. Forse una risposta definitiva potrebbe arrivare nelle prossime ore. Per non farsi trovare ulteriormente in ritardo, la società calabrese avrebbe puntato su tre giocatori. Si tratta dell’attaccante del Chievo Inglese, già seguito in estate, il difensore del Nizza Bodmer e il giovane di prospettiva La Mantia della Pro Vercelli, nel mirino di altre squadre di Serie A.

Lo sfogo di Nicola

“Nessuno vuole venire, tutti prendono tempo, capisco le difficoltà della società”, ha detto Davide Nicola intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Bologna. La partita potrà essere seguita LIVE dalle ore 18.

L’allenatore ha detto di aver indicato da tempo alla società quello che manca e che potrebbe portare miglioramenti. Ma nonostante la dirigenza stia facendo i salti mortali per poterli prendere, i giocatori prendono tempo. É questa l’amara verità.

“A questo punto chiunque arriverà per vestire la maglia del Crotone sarà ben accetto”, ha dichiarato laconicamente il tecnico rossoblù.

La sfida odierna con il Bologna

Secondo Nicola il Crotone deve continuare a credere nella salvezza. La squadra infatti ha trovato identità e gioco ed é competitiva. Deve solo iniziare a raccogliere i punti che finora ha lasciato per strada. Senza polemizzare se qualche volta non si avevano colpe, come nel caso del gol regolare annullato a Roma domenica scorsa,  “perché gli errori, propri e degli altri, vanno accettati”.

“Il Bologna ha sempre fatto bene contro gli ultimi in classifica ma noi abbiamo dimostrato di potercela giocare alla pari con tutti, ha concluso l’allenatore.

Articoli correlati