Sneijder ed Eto’o, due facce differenti della stessa medaglia

Quanto può pesare un gol? Tanto, se è decisivo, poco o nulla, se alla fine il risultato è negativo. Ieri due nerazzurri sono stati protagonisti della nona giornata di Mondiale in Sudafrica. Wesley Sneijder nel pomeriggio e Samuel Eto’o, tra i principali artefici della splendida stagione del Triplete, hanno cercato di guidare Olanda e Camerun verso la qualificazione agli ottavi di finale, con esiti totalmente opposti. Oltre alla loro leadership, i due sono riusciti a timbrare il cartellino, portando in vantaggio le rispettive nazionali. Il numero 10 oranje ha portato in vantaggio l’Olanda con un destrio violento da fuori area, su cui il portiere Kawashima non è intervenuto a dovere, rassegnandosi così a vedere il pallone gonfiare la rete. Una prodezza difesa dall’Olanda fino al termine, per 3 punti che valgono primato nel gruppo E e qualificazione al turno successivo. Stella nelle previsioni, determinanti nel concreto: il torneo di Sneijder prosegue nel modo migliore, dunque.

Nulla da fare invece per Samuel Eto’o, le cui enormi aspettative per un Mondiale disputato nella sua Africa si sono infrante ieri sera, contro la Danimarca. Reduce dall’inaspettato k.o. contro il Giappone, il Camerun aveva l’obbligo di trovare la vittoria per rimanere in corsa, e la rete di Eto’o al 10′ sembrava potesse spianare la strada ai Leoni Indomabili. I gol di Bendtner al 34′ e di Rommedhal al 61′ spezzano però le ali agli uomini di Le Guen, colpevoli di amnesie difensive imperdonabili. Danimarca ancora in corsa, dunque, e Camerun già eliminato, un colpo durissimo per l’orgoglio di Samuel, soprattutto dopo due stagioni in cui porta a casa praticamente tutto quello per cui gioca (tra Barcellona e Inter, due triplette).

Stessa medaglia nerazzurra, ma facce diverse per Sneijder ed Eto’o, una felice, l’altra triste. Al termine di una stagione esaltante con l’Inter, i due volevano vivere da protagonisti il Mondiale, o almeno giocarsela il più possibile. Una chance concessa agli uomini di Van Marwijk, già fallita invece dai Leoni Indomabili, incapaci di rinverdire il mito della nazionale di Roger Milla. L’unica notizia positiva per i tifosi dell’Inter, è il riposo anticipato per Eto’o, che disputerà una sola partita nel torneo e poi potrà staccare la spina, per farsi trovare pronto alla ripresa della nuova stagione, ancora a tinte nerazzurre. Piacevoli impegni attendono invece ancora Wesley Sneijder, che anche con la maglia oranje conferma il suo stato di grazia, che ha permesso all’Inter di centrare il Triplete leggendario e a cui adesso si affidano i compagni olandesi per continuare a sognare.

[Fabio Costantino – Fonte: www.fcinternews.it]