Squalificati in Serie A dopo la 7° giornata: ecco quali

157

Squalificati in Serie A dopo la 7° giornata: ecco quali

Otto giocatori squalificati per un turno, tre dei quali del Genoa.Tre società multate: Atalanta, Roma e Juventus. Due giornate a Fonseca

MILANO – Il Giudice Sportivo dott. Gerardo Mastrandrea, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante dell’A.I.A. Eugenio Tenneriello, nel corso della riunione dell’8 ottobre 2019, in merito ai cori discriminatori nei confronti di Dalbert nella gara tra Atalanta e Fiorentina dello scorso 22 settembre ha così disposto: “Letti gli elementi forniti dal calciatore in sede di audizione testimoniale in relazione ai cori discriminatori di una parte della tifoseria e non invero di singoli tifosi, seppur non di rilevanza tale da essere chiaramente percepiti da parte degli organi federali e preposti all’ordine pubblico ma comunque tali da giustificare l’interruzione della gara tempestivamente disposta dal direttore di gara e considerato pertanto che, non sussistendo ragionevole dubbio circa il verificarsi della condotta discriminatoria, per i suddetti cori la società Atalanta debba rispondere ai sensi dell’articolo 28 comma 4 CGS ma che la sanzione, vista la dimensione e la mancata percezione reale da parte degli Organi federali e preposti all’ordine pubblico, debba essere, in applicazione degli artt. 12 comma 1 e 29 CGS determinata nella misura che segue: Delibera di sanzionare la Soc. Atalanta con la sanzione dell’ammenda di 10.000 euro”.

Per quanto riguardo l’ultima giornata il Giudice Sportivo ha assunto le decisioni sottoriportate:

a) SOCIETA’

Ammenda di € 15.000,00: alla Soc. ROMA per responsabilità oggettiva, per aver consentito l’ingresso nel recinto di giuoco di un preparatore atletico che non risulta, allo stato, essere tesserato, il quale applaudiva ironicamente in maniera continuativa il direttore di gara, a cui si era avvicinato con atteggiamento aggressivo”.

Ammenda di € 10.000,00: alla Soc. JUVENTUS per avere suoi sostenitori, al 18° del primo tempo, indirizzato un fascio di luce-laser in direzione di un calciatore della squadra avversaria che si apprestava a tirare un calcio di rigore”.

b) CALCIATORI

CALCIATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA ED AMMENDA DI € 10.000,00

SAPONARA Riccardo (Genoa): per avere, al 47° del primo tempo, contestato una decisione tecnica alzandosi dalla panchina e per essersi avvicinato, benché invitato a sedersi, al Quarto Ufficiale esclamando a gran voce un’espressione blasfema.

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA ED AMMENDA DI € 2.000,00

STREFEZZA REBELATO Gabriel Tadeu (Spal): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario e per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria.

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

BIRASCHI Davide (Genoa): per avere volontariamente colpito il pallone con le mani, impedendo la segnatura di una rete.

CALABRIA Davide (Milan): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.

CASTILLEJO AZUAGA Samuel (Milan): per avere, quale calciatore di riserva, al 47° del secondo tempo, entrando sul terreno di giuoco, contestato con plateale gestualità l’operato arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

MEDEL SOTO Gary Alexis (Bologna): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in possesso di una chiara occasione da rete.

PEZZINI LEIVA Lucas (Lazio): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.

CALCIATORI NON ESPULSI

ROMERO Cristian (Genoa): per proteste nei confronti degli Ufficiali di gara; già diffidato (Quinta sanzione).

c) ALLENATORI

ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ED AMMENDA DI € 10.000,00

RODRIGUES FONSECA PAULO (Roma): doppia ammonizione per proteste nei confronti del Direttore di gara (squalifica di una giornata: sanzione da applicarsi automaticamente alla stregua della prescrizione obbligatoria, e direttamente vincolante anche per le competizioni nazionali, dell’art. 62 punto 3, letto in combinato disposto con l’art. 71 punto 1, del Codice Disciplinare FIFA in vigore dal 15 luglio 2019, e comunque in quanto principio generale a cui il Giudice deve attenersi ai sensi dell’art. 3, comma 4, CGS e delle sopra menzionate norme FIFA, quindi doverosamente prescindendo dalle previsioni dell’art. 9 CGS, già in vigore) e per essersi, dopo la notifica del provvedimento di espulsione, avvicinato all’Arbitro con fare minaccioso e aggressivo urlando diverse volte una frase irrispettosa.

Articoli correlati