Tim Cup, Petkovic: “Ogni partita è importante, Zarate si è escluso da solo”

logo-lazioFORMELLO – Brilla in campionato la Lazio, il successo con l’Inter le regala il terzo posto. Brilla in Europa League, e vuole brillare anche in Coppa Italia. Domani pomeriggio alle ore 15.00 infatti, i biancocelesti scenderanno in campo allo Stadio Olimpico per affrontare nella sfida ad eliminazione diretta il Siena negli ottavi di finale. Centrando la qualificazione, incontrerebbe il Cataia poi ai quarti di finale. Petkovic ha preso la parola in conferenza stampa nel Centro Sportivo di Formello per presentare la sfida contro i toscani del nuovo tecnico Iachini.

Quanto è importante la coppa Italia per lei?Per me ogni partita è importante, ogni competizione ha il suo valore, uno dei più facili traguardi da raggiungere è la Coppa Italia, vincendo 3-4 partite si potrebbe tentare di vincere il trofeo“.

Il Siena ha esonerato l’allenatore… “Questa è una brutta moda, che spero finisca. Abbiamo un avversario che sfortunatamente non sappiamo decifrare, non sappiamo chi gioca, come gioca, per fortuna siamo abituati a non guardare l’avversario e pensare a noi stessi”.

Zarate è fuori dal gruppo?Zarate si è messo da solo fuori dal gruppo, non ha risposto alla convocazione e domani non sarà convocato”.

Contro l’Inter partita della svolta? Una delle svolte, una di quelle importanti che abbiamo vinto, cominciamo a convincere anche gli altri, ora la situazione dei punti è interessante. La Lazio deve diventare grande, grande si diventa con continuiità di rendimento, senza differenza tra casa e fuori, si diventa grande quando si vince”.

Zarate? “Non è infortunato, non è convocato per domani, si allena a parte“.

Esame per chi non gioca tanto? Per me ogni allenamento è un test, domani potremmo fare turnover ragionato, tutti devono dare il massimo anche quando entrano”.

Rinforzi per gennaio? “Io non mi aspetto niente, sono problemi della società, io mi concentro sui giocatori che ho per farli rendere al meglio“.

La Lazio affronterà due squadre che hanno cambiato allenatore…I nuovi allenatori danno una scossa mentale, e all’inizio potrebbe essere un vantaggio per loro, ma se noi giochiamo bene li metteremo in difficoltà”.

Difesa a 3?Prima scelgo chi gioca, poi il modulo, c’è possiblità anche di cambiare durante la paritita, è interessante cambiare ed essere duttili”.

Coppa Italia che motivazioni da alla squadra e a lei? In tutti i paesi la coppa nazionale è molto importante, va quasi oltre il campionato, ci sono motivazioni diverse, ci sono possibilità di vincere. Anche in Italia con l’eliminazione diretta è diventato più impegnativo e pericoloso, tutte le grandi squadre tentano di vincere”.

Come vede i  giocatori? “Normali, non abbiamo avuto tempo di smaltire l’ultima vittoria, oggi prepariamo la gara, domani dobbiamo fare tutto per vincere”.

Cambio di mentalità fuori casa? Domani gioca Diaki? “Intanto ci concentriamo per la partita di domani, ma penso che anche fuori casa non si sono viste cose brutte, anche il Bologna si è visto contro il Napoli che non è poi una squadra cosi scarsa. Diakitè fa parte della rosa, vediamo domani se gioca”.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]