Udinese, Piermario Morosini: “Fuori casa dobbiamo cambiare atteggiamento”

Piermario Morosini, ospite ieri sera della trasmissione “UdinEasy”, condotta da Eddy Pertoldi, sulle frequenze di Radio Easy Network, ha parlato ad ampio spettro della situazione in casa bianconera dopo la sconfitta di Parma: “Stiamo cercando di capire il motivo per cui non riusciamo a dare continuità ai risultati positivi e alle ottime prestazioni che abbiamo offerto contro Palermo e Napoli. Abbiamo coscienza dei nostri mezzi e delle potenzialità, ora dobbiamo evitare questi passaggi a vuoto frutto di approcci sbagliati. Soprattutto in trasferta bisogna cambiare atteggiamento”.

Se capitan Di Natale ha ripreso a segnare a ritmi vertiginosi, i gol dei centrocampisti, invece, mancano ancora all’appello: “E’ certamente un apporto che arriverà con il passare delle giornate. Negli anni passati le reti dei mediani sono state una risorsa importante per l’Udinese”.

A Parma i bianconeri sono dovuti andare in svantaggio prima di mostrare le unghie: “I gialloblu hanno disputato una gara attenta, se l’avessimo affrontata con un altro piglio probabilmente sarebbe finita in modo diverso. Quest’anno abbiamo dimostrato che se interpretiamo bene il match dal primo minuto per i nostri avversari si mette male”.

L’assenza di Sanchez si è fatta sentire: “Il “Nino” è un giocatore insostituibile, un trequartista atipico: gli piace dribblare e puntare l’uomo. E’ un ragazzo talentuoso, fa la differenza e può rompere gli equilibri. Giocatori come Sanchez e Di Natale fanno apprezzare il calcio nella sua pienezza”.

Un’ultima battuta sulla prossima assegnazione del “Pallone d’Oro”: “Reputo giusto che venga premiato Iniesta, ma sarebbe stato altrettanto giusto inserire Sneijder tra i primi tre. E’ assurdo che il nome di Milito non sia comparso nella lista dei venti finalisti”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]