Ventura: “Dobbiamo avere la forza di aspettare gennaio”

Dopo le parole del ds Angelozzi, oggi si sono udite quelle di Giampiero Ventura, intervistato dai microfoni di SkySport24. L’allenatore ligure, poco sorridente e ci mancherebbe altro, ha parlato del momento che sta attraversando il suo gruppo e dell’incontro, delicato, che attende i biancorossi domenica in Sicilia contro il Catania. L’ex Pisa non può far altro che sottolineare subito lo stato di emergenza del suo Bari, orfano di tanti titolari causa infortunio e squalifiche: “Andiamo a Catania senza dodici giocatori su una rosa di venti. Degli undici dell’anno scorso in Sicilia giocherà solo Alvarez, dobbiamo avere la forza di resistere fino a gennaio, dobbiamo recuperare gente e la società deve fare qualche investimento. In questo momento ci gira tutto male ma quando recupereremo giocatori la squadra tornerà ai livelli che merita”.

Inevitabile, poi, parlare dellla sua panchina, messa in discussione nei giorni scorsi da diversi giornali: “Nel calcio è normale che, quando si perdono 5-6 partite di seguito, si venga messi in discussione. Non è normale quello che sta succedendo a Bari perché non solo la società mi è vicina ma anche il pubblico: basti pensare che domenica scorsa i tifosi mi hanno dedicato i cori alla mia entrata in campo. Queste sono cose che non si dimenticano. Non vedo l’ora di ripagare tutto questo affetto.

Un pensiero, in chiusura, sul prossimo debutto in azzurro di Ranocchia al fianco di Bonucci: “Spero di aver dato un contributo alla loro crescita. Sono felice per loro, non avevo dubbi sulla loro qualità. Quando ad ottobre dello scorso anno dicevo che sarebbero diventati titolari in nazionale, mi guardavano tutti male. Sono due giocatori che hanno qualità che si integrano perfettamente: Ranocchia in fase difensiva è tra i migliori al mondo, Bonucci in fase di impostazione ha pochi rivali.”

[Andrea Dipalo – Fonte: www.tuttobari.com]