Verratti: “Non possiamo permetterci di essere fuori dal Mondiale”

34

italia ombra logo

“La Macedonia del Nord difende molto bassa, bisognerà fare attenzione alle loro ripartenze. Allo stesso tempo, dovremo trovare gli spazi giusti per metterli in difficoltà”

COVERCIANO – Per Marco Verratti questi playoff per l’accesso ai Mondiali del Qatar 2022 potrebbero essere doppiamente importanti. Giocando le prossime due gare, il centrocampista del Paris Saint Germain raggiungerebbe, infatti, le 50 presenze in Nazionale.

“Bisogna essere fiduciosi – ha dichiarato incontrando i giornalisti in conferenza stampa – e pensare al campo. Giovedì sarà una gara importante, contro una squadra che ha meritato di essere qui. La Macedonia del Nord difende molto bassa, bisognerà fare attenzione alle loro ripartenze. Allo stesso tempo, dovremo trovare gli spazi giusti per metterli in difficoltà. Come fatto durante l’Europeo, dobbiamo andare lontano con l’entusiasmo e con la voglia. Tutti noi vogliamo giocare questo Mondiale”. E proprio il trionfo di Wembley ha dato agli Azzurri quell’autostima che può rappresentare la spinta in più per volare in Qatar: “L’Europeo ci ha dato consapevolezza e fiducia, abbiamo vinto qualcosa di straordinario giocando con allegria ed entusiasmo. Ancora oggi si parla di quella vittoria e questo ci dà una forza in più. Sono sicuro che anche gli altri ci temano per quanto fatto e per ciò che siamo. Abbiamo tante possibilità di passare il turno”.

Squalificato in occasione del ritorno dello spareggio con la Svezia, quando a San Siro l’Italia si vide sfuggire la qualificazione a Russia 2018, stavolta Verratti vuole esserci a tutti i costi per regalarsi alla soglia dei trent’anni il suo secondo Mondiale dopo quello brasiliano, quando fu una delle poche note liete della deludente avventura azzurra: “Rispetto alla gara contro la Svezia c’è un clima diverso, vorremmo giocare già adesso per dimostrare che ci siamo. I momenti difficili nella vita rimangono sempre, poi certe sconfitte ti insegnano a dare qualcosa in più. Siamo abituati a giocare con questa pressione, sappiamo che è un momento importantissimo. Non possiamo permetterci di essere fuori dal Mondiale: bisogna solo lavorare, dare il massimo e fare tutto ciò che c’è da fare. Anche gli altri faranno la partita della vita, noi dovremo fare lo stesso e alla fine si faranno i conti”.