Verso Italia – Spagna, le dichiarazioni di Mancini alla vigilia

64

parete italia logo

La Spagna è diversa dal Belgio, pertanto non sarà una gara come quella ma con tante difficoltà. Occorrerà rimanere freddi per evitare di commettere errori”

LONDRA – A poco più di ventiquattro ore dall’inizio di Italia – Spagna, semifinale di Euro 2020, il Commissario Tecnico azzurro, Roberto Mancini, é intervenuto in conferenza stampa per illustrare la partita. Sull’Italia modello Sampdoria ha detto che  quando c’è un buon rapporto tra tutti, quando ci sono le condizioni ottimali, il rapporto che si è crea è ottimo. Domani si dovrà fare una grande partita domani giocarsela fino alla fine. A mano a mano che si avvicina l’inizio del match é normale che aumenti la tensione ma bisogna cercare di esser freddi per fare meno errori possibili.

Mancini ha detto che la Spagna è diversa dal Belgio, pertanto non sarà una gara come quella ma con tante difficoltà. Con l’Austria è stata difficile perché era la prima a eliminazione diretta ma anche per la loro aggressività. Domani lo sarà ugualmente ma sarà difficile. “La Spagna è straordinaria da anni anche se adesso c’è stato un ricambio e son più giovani. Hanno un tecnico bravo e giocatori bravissimi.  Negli ultimi vent’anni hanno dominato il calcio nel mondo, non cambieranno adesso. Se noi e Spagna siamo arrivati qui è con merito, le percentuali sono a metà”.

Poi un commento sui singoli. Di Vialli ha detto che sono cresciuti insieme e che c’è un rapporto che va oltre all’amicizia. “E’ come avere un fratello qui, accade con tutti quelli che hanno giocato in quella Sampdoria, il rapporto è ottimo tra noi e i giocatori. Luca è anche un po’ anziano, lo ascoltiamo volentieri quando parla”. Di Luis Enrique che é un tecnico bravissimo, ha vinto Coppe dei Campioni col Barcellona ma non solo; anche a Roma ha fatto un bel gioco.  Di Immobile che è la Scarpa d’Oro, è tra chi ha segnato di più negli ultimi anni. E in un Mondiale o in un Europeo il più criticato spesso risolve partita e torneo.” Di Belotti e Toloi che recupereranno in tempo; di Chiellini che dovrebbe riuscire a giocare tre gare di fila e se non dovesse farcela, ci sono Acerbi e Bastoni che sono in grande forma. Il CT ha poi dichiarato che non trova giusto che a Wembley non ci siano tifosi da Italia e Spagna.

Articoli correlati