VNL 2024 femminile, Italia – Corea del Sud 3-0: cronaca e risultato

33 0

italia corea del sud 14 giugno 2024

Nella Volleyball Nations League le azzurre ottengono l’ottavo successo con un netto 3-0 e balzano al terzo posto

FUKUOKA – Prosegue il cammino vincente dell’Italia nella Pool 6 di VNL in svolgimento a Fukuoka in Giappone. Dopo il successo all’esordio con il Canada ed il raggiungimento aritmetico del pass olimpico attraverso il world ranking, le azzurre hanno superato con un netto 3-0 (25-16; 25-11; 25-12) la Corea del Sud ottenendo l’ottava vittoria in Volleyball Nations League. Successo di prestigio che sugella la qualificazione alle Finals in programma settimana prossima a Bangkok (dal 20 al 23 giugno). Best scorer del match Ekaterina Antropova (20 punti) lanciata titolare così come Fahr, Bonifacio e Degradi.

Tempo per festeggiare ce ne sarà poco visto che domani, alle 8:30 italiane, l’Italia affronterà gli Stati Uniti nella penultima fatica della fase intercontinentale di VNL che si chiuderà, domenica 16 giugno alle ore 8:00 italiane contro la Serbia. In palio, oltre a preziosi punti ranking in ottica sorteggio dei gironi Olimpici, anche la possibilità di migliorare la propria posizione nella classifica generale in vista delle Finals. Tutte le partite delle azzurre saranno trasmesse dalla piattaforma globale DAZN e in diretta. streaming su VBTV.

La cronaca della partita

Per la sfida con la Corea del Sud Velasco sfodera la diagonale Orro-Antropova, Fahr e Bonifacio al centro, Degradi e Sylla schiacciatrici e De Gannaro libero tenendo a riposto Egonu, Bosetti, Danesi e Lubian. L’Italia parte bene al centro trovando con Fahr muri e attacchi precisi. Dall’altra parte della rete le coreane, con il solito gioco veloce ed imprevedibile, si affidano a Jiyun e Sowhi per tenere il passo delle azzurre (9-8). Ci pensano poi Sylla, con un pallonetto, Degradi ed Antropova a scavare il primo vero break del match (15-10). Strappo che diventa decisivo quando anche Bonifacio, supportata da Sylla prima e Antropova poi, sale di colpi al centro consentendo all’Italia di chiudere in scioltezza il primo parziale (25-16) in cui segnalare anche l’esordio assoluto in maglia azzurra di Gaia Giovannini.

Rotto il ghiaccio le azzurre iniziano in scioltezza anche il secondo set: Degradi apre con un pallonetto, poi Orro con una seconda di rapina impatta a quota 2 accendendo la miccia per la fuga delle azzurre guidate da Antropova in attacco e dal duo Fahr-Bonifacio al centro. Sul 10-4 Velasco concede spazio a Carlotta Cambi in regia e la musica non cambia: Antropova e Bonifacio continuano a giganteggiare a rete mentre Giovannini trova il suo primo punto in maglia azzurra (ace) impreziosendo il severissimo 25-11 con cui si chiude il secondo parziale. Il servizio devastante di Antropova apre il sipario sul terzo set con le azzurre subito in fuga grazie anche ad un pallonetto di Giovannini (5-1). Gli unici punti messi a referto dalle coreane sono frutto di errori al servizio delle azzurre che grazie ad una solidità a muro impressionante ed agli attacchi vincenti di Antropova e Degradi, volano sul 11-3. I timeout di coach Morales Lopez non possono granché mentre Antropova e compagne continuano a martellare a muro e in contrattacco chiudendo la sfida 25-12 in poco più di un’ora effettiva di gioco.

Dichiarazioni post partita

Julio Velasco: “Siamo molto soddisfatti perché abbiamo raggiunto il primo obiettivo – ha esordito il CT azzurro, Julio Velasco – qualificarci alle Olimpiadi, che non era impossibile, ma andava fatto. Poi abbiamo anche raggiunto le Finali di VNL che era un traguardo in cui credevo, al punto che avevo proprio organizzato il lavoro estivo proprio in funzione e considerando questo evento confidando in questo gruppo e nella sua voglia di lottare ai massimi livelli. Oggi inoltre sono felice della partita disputata dalle ragazze che solitamente giocano meno: tutte loro hanno fatto benissimo sia chi ha iniziato che chi è entrato dopo. Ho visto in campo una squadra che sta bene insieme e che vuole giocare insieme e questo per me è molto bello ed importante. Adesso dobbiamo solo sperare di non avere problemi fisici che interrompano questo percorso. Domani affronteremo un avversario forte come gli Stati Uniti, valuteremo le condizioni di Caterina Bosetti che sembra non avere nulla di grave, e dovremo continuare a crescere perché ci sono molti aspetti da migliorare. Lo spirito che però c’è e si respira in questa squadra è davvero bello e di aiuto perché quando arriveranno i momenti difficili le ragazze sapranno superarli grazie proprio a questa coesione e di questo sono molto contento”.

Anna Danesi: “Da un po’ di giorni attendevamo questo pass ed oggi è arrivata anche la matematica –ha dichiarato capitan Anna Danesi – ovviamente siamo felicissime di aver centrato il primo fondamentale obiettivo di questa estate ma allo stesso tempo vogliamo subito rivolgere lo sguardo alle prossime gare in previsione del secondo obiettivo, cioè le Finals in programma a Bangkok. Stiamo giocando bene anche se possiamo sempre fare meglio, ad oggi credo che ci siamo rese protagoniste di un percorso importante facendo vedere belle cose. Con la Corea del Sud oggettivamente non c’è stata storia mentre domani con gli Stati Uniti sarà un bel banco di prova in vista delle sfide più belle in Thailandia. Quest’anno c’era un obiettivo talmente grande da centrare che ci ha portato a cancellare in fretta ciò che nel passato in generale non è andato, ma più in generale ci siamo imposte di guardare solo ed esclusivamente avanti e non più indietro”.

Gaia Giovannini: “Sono molto felice di aver avuto la possibilità di giocare e della mia prestazione in campo – ha ammesso un’emozionata Gaia Giovannini – ma più in generale sono molto contenta della prova di squadra che siamo riuscite ad offrire. Questo ci fa ben sperare per le prossime importanti partite che ci attendono ma in generale non posso che essere felice del mio personale esordio in azzurro. Sono rimasta tranquilla, inaspettatamente perché quello di indossare la maglia della nazionale era sempre stato un mio obiettivo. Sono scesa in campo con serenità perché senza avrei fatto fatica a dare il massimo. Oggi tra l’altro è un giorno importantissimo per noi, perché abbiamo raggiunto la qualificazione a Parigi e nell’immediato anche le Finals di Bangkok”.

Tabellino:

ITALIA-COREA DEL SUD 3-0 (25-16; 25-11; 25-12)

ITALIA: Fahr 13, Orro 3, Sylla 5, Bonifacio 5, Antropova 20, Degradi 11, De Gennaro (L), Lubian, Cambi 3, Spirito (L), Giovannini 5. N.E. Bosetti, Egonu, Danesi. All. Velasco.

COREA DEL SUD: Dahyeon 1, Sowhi 2, Hoyoung 3, Jiyun M. 10, Jiyun J. 7, Dahye (L), Chaewon (L), Jiwon, Dain, Juah 1, Jeongmin 1, Jeongha 3, Seungju, Suyean. All. Morales Lopez

Arbitri: Macias Luis Gerardo (MEX) e Liu Jiang (CHN)
Durata set: 18’, 17’, 18’
Italia: a 9, bs 4, m 13, et 13.
Corea del Sud: a 1, bs 4, m 2, et 15.

Calendario completo week 3

Pool 5 (Hong Kong, Cina) 11-16 giugno

martedì 11 giugno
Germania – Repubblica Dominicana 1-3 (24-26; 25-21; 21-25; 21-25)
ore 14.30 Bulgaria – Cina 0-3 (15-25; 12-25; 17-25)

mercoledì 12 giugno
ore 11.00 Turchia – Thailandia 3-0 (25-17; 25-17; 25-17)
ore 14.30 Brasile – Polonia 3-1 (22-25; 25-17; 25-17; 25-16)

giovedì 13 giugno
ore 07.30 Bulgaria-Thailandia 2-3 (23-25; 25-22; 18-25; 25-22; 10-15)
ore 11.00 Germania – Brasile 1-3 (20-25; 22-25; 25-21; 24-26)
ore 14.30 Repubblica Dominicana – Turchia 1-3 (25-17; 15-25; 17-25; 18-25)

venerdì 14 giugno
ore 07.30 Bulgaria – Brasile 0-3 (11-25; 11-25; 23-25)
ore 11.00 Repubblica Dominicana – Polonia 0-3 (31-33; 20-25; 16-25)
ore 14.30 Cina – Germania 3-0 (25-19; 25-17; 25-18)

sabato 15 giugno
ore 07.30 Repubblica Dominicana – Bulgaria
ore 11.00 Polonia – Thailandia
ore 14.30 Cina – Turchia
domenica 16 giugno: ore 07.30 Germania – Thailandia
ore 11.00 Turchia – Brasile
ore 14.30 Cina – Polonia

Pool 6 (Fukuoka, Giappone) 11-16 giugno

martedì 11 giugno
USA – Francia 3-0 (25-15; 26-24; 25-20)
Italia – Canada 3-0 (25-16; 25-15; 25-14)

mercoledì 12 giugno
ore 08.30 Olanda – Serbia 3-1 (25-20; 25-21; 18-25; 25-12)
ore 12.20 Corea del Sud – Giappone 0-3 (16-25; 16-25; 23-25)

giovedì 13 giugno
ore 05.00 Olanda – USA 0-3 (21-25; 20-25; 22-25)
ore 08.30 Francia – Corea del Sud 2-3 (23-25; 25-21; 25-17; 22-25; 13-15)
ore 12.20 Giappone – Canada 2-3 (25-23; 25-22; 20-25; 21-25; 14-16)

venerdì 14 giugno
ore 05.00 Serbia – Francia 1-3 (22-25; 25-22; 23-25; 21-25)
ore 08.30 Canada – Olanda 0-3 (24-26; 16-25; 23-25)
ore 12.30 Italia – Corea del Sud 3-0 (25-16; 25-11; 25-12)

sabato 15 giugno
ore 05.00 Canada – Francia
ore 08.30 Italia – USA
ore 12.20 Giappone – Serbia

domenica 16 giugno
ore 04.30 Olanda – Corea del Sud
ore 08.00 Serbia – Italia
ore 11.45 Giappone – USA

Classifica generale VNL

Brasile 10 vittorie (28 p), Polonia 8 vittorie (24 p), Italia 8 vittorie (25 p), Turchia 8 vittorie (24 p), Giappone 7 vittorie (21 p), Cina 7 vittorie (21 p), USA 6 vittorie (19 p), Olanda 6 vittorie (18 p), Canada 6 vittorie (17 p), Serbia 3 vittorie (9 p), Rep. Dominicana 3 vittorie (9 p), Thailandia 3 vittorie (7 p), Francia 2 vittoria (8 p), Germania 2 vittorie (6 p), Corea del Sud 2 vittorie (6 p), Bulgaria 1 vittoria (3 p).

Ranking Mondiale Femminile (prime 10 posizioni)

1. Turchia (392,17 p)*, 2. Brasile (389,13 p)*, 3. Polonia (366,17 p)*, 4. Italia (365,35 p)*, 5. USA (356,08 p)*, 7. Cina (331,61 p)*, 6. Giappone (322,94 p), 8. Serbia (314,63 p)*, 9. Olanda (302,87 p), 10. Canada (280,4 p).

*team già qualificati ai Giochi Olimpici di Parigi ’24. 1 posto garantito alla nazionale asiatica con miglior posizione in ranking. 1 posto garantito alla nazionale africana con miglior posizione in ranking.