Atalanta occhi puntati sulla “vipera” e in panchina …

MASTRONUNZIO – Se c’è un reparto che più di altri ha fatto tribulare i tifosi nerazzurri nella stagione passata, è sicuramente l’attacco. Per questo l’Atalanta si sta muovendo per cercare una punta affidabile e che conosca bene la categoria. Simone Tiribocchi, a meno di offerte irrinunciabili potrebbe rimanere a Bergamo, ma servirà sicuramente un’altra punta. Le partenze sicure di Chevanton e i dubbi su Nicola Amoruso, stanno di fatto obbligando l’Atalanta alla ricerca di una o due punte.

In attesa di scoprire chi sarà il nuovo allenatore che potrebbe portare con se qualche suo giocatore di fiducia (Colantuono-Bianchi?), ecco che si sonda il mercato dei possibili partenti.

Nelle ultime ore si stia scatenando l’asta su “La Vipera” Mastronunzio (30): «La cessione sarebbe la soluzione migliore sia per il club, che ha bisogno di soldi, sia per il calciatore, che merita un grande palcoscenico dopo tre campionati di altissimo livello-dichiara l’agente del giocatore ai microfoni di Tuttomercatoweb-. Allo stato attuale il nome di Mastronunzio è appuntato sui taccuini di tanti operatori di mercato, anche di Serie A. Se arrivassero offerte concrete le valuteremo, altrimenti non vedo ostacoli al fatto che resti ad Ancona. Il suo valore di mercato? Un paio di milioni di euro». Il capitano del club marchigiano, dettosi pronto anche a partire se ciò significasse salvare l’Ancona dal punto di vista finanziario, è nelle mire di Chievo, Siena (in pole position per offrirgli un posto da titolare e un progetto di prospettiva nella massima serie data la pressoché certa partenza di Maccarone, NdR), Reggina, Catania e Bologna.

COMPROPRIETA’ DA RISOLVERE –  Con i vicini di casa dell’Albinoleffe ci sono da risolvere alcune comproprietà, su tutti spiccano, l’esterno destro Michael Cia (21), distintosi nel 2008/09 con la maglia della Triestina al punto di conseguire l’esordio nell’Under-21 di Pigi Casiraghi, e del difensore Dario Bergamelli (23), entrambi reduci da una stagione con la maglia dell’AlbinoLeffe. Chi invece dovrebbe rimanere in riva al Serio è l’attaccante guineano Karamoko Cissé (21), che con i neroazzurri esordì in Serie A ad appena 18 anni, nella stagione 2006/07.

ALLENATORE – In attesa di scoprire il nuovo allenatore dell’Atalanta, che nelle prossime ore sceglierà il proprio allenatore, in cui si fanno i nomei di Colantuono, Lerda e Mutti su tutti, ma sul taccuino di Percassi c’è un nome di primissiomo livello: Roberto Donadoni. Intanto le altre squadre si stanno muovendo per ingaggiare nuovi allenatori o confermare quelli della stagione appena trascorsa.

Elio Gustinetti, che qualcuno avrebbe visto bene a Bergamo, è ufficialmente l’allenatore dell’Ascoli. Il Livorno tiene aperta la pista Lerda che nel frattempo però strizza l’occhio al Torino in caso di mancata conferma di Colantuono e al Chievo. Qual ora non arrivasse il tecnico ex Crotone, si opterebbe per Pillon o Sannino del Varese, ma il sogno è il bravissimo tecnico dell’Empoli Campilongo.

La neo promossa Portogruaro saluta Calori e vira verso Menichini (ex Lumezzane) favorito su Madonna.

Il Frosinone conferma anche per la prossima stagione il tecnico Carboni subentrato a Moriero che ha richieste dal Benevento.

RUGGERI: Neanche il tempo di dimettersi dall’Atalanta che già si parla di una nuova esperienza per la famiglia Ruggeri. Quello che qualche settimana fa avevamo scritto, si potrebbe avverare a breve. Alessandro Ruggeri ha bisogno di fare esperienza e per farla è bene che cominci con la gestione di squadre di categoria inferiore. Ebbene, ecco che arriva puntuale la possibilità di acquistare delle azioni del Perugia calcio (prima divisione), entrando a far parte di una cordata interessata a salvare la società.

[Luca Ronchi – Fonte: www.atalantanews.com]