Bari-Roma, intrecci di mercato. Tutta la verità

L’amicizia storica tra la compagine pugliese e quella capitolina, porta spesso le due società a trattare e valutare operazioni di mercato che possano rivelarsi utili per l’una o l’altra formazione. Come ogni estate, tanti i nomi che si fanno sull’asse Bari-Roma. Cerci, Andrealli, D’Alessandro, Guberti, Andrea Masiello, Rivas, ecc…

Secondo autorevoli indiscrezioni raccolte in esclusiva dalla nostra redazione, vi svisceriamo, come spesso accade, la verità, i retroscena legati ai giocatori sopra citati. Partiamo dai galletti che sembrano interessare alla società di Rossella Sensi.

Emanuel Rivas: Sull’argentino fu fatto un sondaggio in quel di gennaio, quando la Roma cercava nuove pedine da inserire in una squadra che iniziava a intravedere la possibilità di lottare per lo scudetto. Come noto, non se ne fece più nulla. Il procuratore del ragazzo, Flavio Bilardo, tornò via dalla regione Lazio con un pugno di mosche. Ad oggi, poi, la società giallorossa non ha più bussatto in via Torrebella per l’esterno tutta tecnica e fantasia del Bari di Giampiero Ventura. Motivo? Le sue precarie condizioni fisiche hanno fatto cambiar idea alla Roma. La Fiorentina? Al 99%, Emanuel, resterà a in Puglia.

Andrea Masiello: Alzi la mano chi, ogni giorno, non venga spaventato dalla possibilità, appresa dai maggiori quotidiani sportivi (e non), di un possibile approdo di Andreone in terra romana. Qualcuno azzardava pure l’ipotetica offerta della società capitolina, che si aggirerebbe intorno ai 7/8 milioni di euro. Falso! Tutto falso. Il forte difensore del Bari, piace tantissimo a Pradè (ds Roma), che lo preleverebbe anche con la forza. Purtroppo, però, la Roma, attualmente, non è nelle condizioni e nelle possibilità di avviare una trattativa del genere. In poche parole, la società Sensi-Unicredit, non dispone di quella disponibilità finanziaria per prendere il giocatore. Quindi, basta farsi prendere in giro. A. Masiello, oltre che essere ritenuto comunque incedibile dalla famiglia Matarrese, non andrà alla Roma, sicuro.

Andreolli: Giocatore di ottime prospettive, di cui Perinetti era innamorato. Il buon Giorgione, ora a Siena, “disturbava” continuamente i vertici giallorossi per il ragazzo. Cosa che Angelozzi non sta assolutamente facendo. Il difensore Under 21 non è più nei progetti futuri del galletto, e la Roma lo sa. Non arriverà a Bari, ne adesso ne mai.

Alessio Cerci: Discorso diverso per Alessandro Cerci, laterale offensivo che fa impazzire Ventura, suo mentore già ai tempi di Pisa. Qui, però, la situazione è davvero complicata. L’attaccante giallorosso, nel 2011, va in scadenza di contratto, e se non rinnova, la Roma non ha nessuna intenzione di mandarlo altrove a giocare. Ad oggi, inoltre, sono davvero poche le possibilità che il giovane prolunghi il suo sodalizio con la società romana, che lascerà andare in scadenza il suo contratto, tenendo bloccato il ragazzo (in tribuna?) la prossima stagione per poi lasciarlo partire a parametro zero. Brutto affare, questo, ma che ad oggi ha altissime percentuali di concretizzazione. Peccato. Per Cerci, dunque, tutto assolutamente bloccato.

D’Alessandro: Che ragazzo interessante! Da Roma ci riferiscono che la società capitolina sia letteralmente innamorata del giovane talento proveniente dal vivaio. Ci hanno detto, pure, che trattasi di un nuovo piccolo Alvarez italiano dotato di qualità tecniche non indifferenti. La Roma ha promesso il ragazzo al Siena ma, visti i rapporti familiari ed amichevoli con la società barese, qualora Angelozzi si facesse avanti con determinazione, il trequartista arriverebbe a Bari con la formula del prestito secco o, al massimo, con il diritto di riscatto della metà del cartellino per l’anno successivo. Vediamo, cosci comunque che, se il Bari lo vorrà per davvero, il ragazzo sbarcherà in riva all’Adriatico.

Stefano Guberti: Che ricordi, quanto affetto ha rubato ai cuori biancorossi questo meraviglioso calciatore. Su Stefano, però, troppe concorrenti, su tutte il Catania del neo tecnico Giampaolo. La società giallorossa è convinta che, qual’ora il laterale ex Sampdoria approdasse alla corta di mister Ventura, diventerebbe un giocatore da Nazionale, visto il disegno tattico di mister Ventura che perfettamente si sposa con le caratteristiche del giocatore. Come detto, però, ci sono diversi pretendenti, e tra questi, non dimentichiamolo, c’è anche il suo stesso allenatore Ranieri, che ama Guberti. Non arriverà mai a Bari, purtroppo.

Ultima curiosità legata alle due società, è rappresentata da Edgar Alvarez, forte laterale offensivo in forza al Bari ma proveniente proprio dalla squadra capitolina. Da Roma ci fanno sapere che, in società, si è molto rammaricati che Alvaretto sia partito. Credevono molto nelle sue potenzialità, ma un rapporto non proprio idilliaco con l’ex tecnico Spalletti, non ha permesso all’honduregno di restare in giallorosso. Bene così, almeno per la compagine biancorossa.. vero?

[Andrea Dipalo – Fonte: www.tuttobari.com]