Barreto, chi ha la memoria corta? Fai mea culpa

Paulo Vitor de Souza Barreto, un attaccante, un goleador ma, anche, una totale delusione per la tifoseria barese, che sulle sue prestazioni, sul suo talento aveva costruito, l’estate scorsa e non solo, i propri sogni di gloria.

Torna a parlare la punta carioca, e lo fa nel momento meno opportuno e sulla delicata tematica legata alla spalmatua degli ingaggi. Noto il suo rifiuto, giustificato in maniera al quanto imbarazzante dall’ex giocatore del Treviso, che ha messo in giro una voce tanto ridicola quando inesatta. L’attaccante ha infatti sostenuto che, essendo il suo status in comproprietà tra Bari ed Udinese, non ha potuto accettare la spalmatura del suo ingaggio, pena rischio squalifica. Ma come si fanno a mettere in circolazione certe false verità? Ma di che squalifica parla l’oramai ex numero dieci del galletto? Avrà mica pensato che Bari sia composta da gente stupida ed incapace di capire la realtà dei fatti? Crediamo proprio di si, visto che nulla gli ha impedito di accettare la proposta di via Torrebella in merito agli ingaggi.

Poi, il brasiliano pare abbia dichiarato, dopo l’ultima contestazione a lui rivolta nella giornata di mercoledi, che i tifosi baresi hanno la memoria corta, perchè non riconoscono che, seppur mai in perfette condizioni fisiche, lui sia sceso in campo ed onorare la maglia. Barreto, ma che dici? Sei sparito da dicembre, senza preoccuparti minimamente di rientrare e dare una mano ai tuoi compagni, e i tifosi baresi sono di memoria corta? La memoria corta, probabilmente, ce l’ha il brasiliano, che ha presto dimenticato l’affetto e le speranze che la piazza barese ha riversato nella sua persona. Per non parlare anche dei sacrifici economici che il sodalizio di via Torrebella ha sostenuto per trattenerlo e riconpensarlo delle ottime cose fatte nel biennio precedente a questa stagione stregata. Vitor, fai mea culpa, e porta con te, ovunque andrai, una bella foto della tifoseria biancorossa, da te sedotta ed abbandonata. Tifosi così, caro (in tutti i sensi) Barreto, non ne avrai più, purtroppo per te.

[Andrea Dipalo – Fonte: www.tuttobari.com]