Bocchetti, Boateng, Van der Vaart, Ibra e gli altri: tutti i nomi di un agosto (forse) finalmente… “Da Milan”

Un mercato partito male, proseguito probabilmente peggio, ma che potrebbe avere nella sua coda la parte più dolce: un difensore, un centrocampista e magari anche un attaccante, bilancio permettendo. La notizie delle ultimissime ore è quella su Salvatore Bocchetti: inevitabile parlarne, anche se, nella lunga notte di Forte dei Marmi, ogni notizia rischia di “invecchiare” dopo un minuto, aggiornamento dopo aggiornamento. Il Milan vuole Bocchetti, ad ogni costo o quasi: dopo aver preso Papastathopoulos (ed Amelia) da Preziosi, Galliani cerca di pescare nel serbatoio rossoblu un giovane di sicuro valore, esattamente come hanno fatto Inter (Ranocchia) e Juventus (Bonucci).

Il “problema” è che ormai il Genoa non è più una “provinciale”, ma una big: un mercato che non teme rivali in Italia e si piazza, tra le prime, anche in Europa. Ecco perchè, ad esempio, nascono storie al limite dell’impensabile fino a qualche mese/anno fa e che fanno infuriare i tifosi: Preziosi vuol prendere Boateng e prestarlo al Milan, che ovviamente vuole però almeno la comproprietà, per non sentirsi una filiale del Grifone. Complimenti al “re dei giocattoli”: ha cambiato la storia. Tornando al Milan ed a Bocchetti, il suo innesto sarebbe una presa di coscienza importante: dietro, così, non si può andare avanti: eppure, con il napoletano, bravo a giocare al centro come a sinistra, Galliani metterebbe a segno un colpo decisivo per il futuro.

Una linea difensiva Papastathopoulos-Thiago Silva-Astori-Bocchetti sarebbe promettente, anche in virtù della recente convocazione del semi-cagliaritano in Nazionale: se poi nell’operazione il Milan riuscisse ad inserire anche Jankulovski, che non rientra nel progetto tecnico di Allegri, allora sì che sarebbe quasi un capolavoro. Il Genoa chiede Abate e non sbaglia: Ignazio sarebbe l’esterno giusto per Gasperini, che ama giocatori di fascia che sanno difendere come attaccare. Il Milan nicchia, ma forse potrebbe cedere: il talento del numero 20 è elevato, ma quello di Bocchetti non è inferiore.

A centrocampo intanto, come detto, si muove la pista Boateng, giocatore che saprebbe dare una marcia in più fisicamente a questa squadra: al Milan però servirebbe forse più tecnica, ecco perchè, mi sono permesso di sponsorizzare, nell’intervista fattami dagli amici di MilanDay, l’olandese Rafael Van der Vaart. Certo, non sarebbe facile andare a trattare oggi con Mourinho, specie dopo lo stop di Kakà, ma le vie del mercato sono infinite: chissà, ad esempio, che il Madrid non vada a prendere Mesut Ozil, che suonerebbe come una sfiducia vera e propria per l’ex Ajax. A proposito di ex Ajax di lusso, la pista Ibra sembra difficile, quasi impossibile: eppure i conti lì a Barcellona continuano a non tornare, con lo svedese retrocesso a riserva di David Villa. Non convince anche la posizione di Klaas Huntelaar, visto che Borriello scalpita sin dalla prima partitella a Milanello: nonostante Allegri abbia fatto sapere di stimarlo, l’olandese rischia di essere condannato al ruolo di riserva sin dalla prima partita, ancor più che lo scorso anno.

Gli spasimanti in Inghilterra non mancano, ecco perchè KJH potrebbe farci un pensierino: sempre dalla Premier, le sirene parlano di Robinho, Dos Santos e chi più ne ha più ne metta… Tra bufale giornaliere (che non mancano mai, come l’offerta del Palmeiras per Ronaldinho) e contatti reali insomma, per una volta, i tifosi del Milan arrivano ad agosto con qualche motivo in più per sperare: l’ennesima “scottatura” peserebbe davvero troppo nel rapporto col pubblico, ecco perchè la dirigenza non può davvero sbagliare.

[Francesco Letizia – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]