Bologna, Longo: “Accordo per Stevanovic, possibile Perez”

Carmine Longo è intervenuto al “Pallone nel 7” dove ha parlato del mercato annunciando l’accordo per Stevanovic dell’Inter, poi dell’ operativià dal 1° luglio in quanto la firma di cessione dovrebbe esservi il 30 giugno, infine si è soffermato su altre trattative come quella riguardante Perez, sulla quale si è detto molto possibilista:

“Non sarò ne direttore sportivo ne consulente di mercato ma solo amico del Presidente in pectore, Sergio Porcedda. Sto lavorando al mercato, mi sto informando. L’operatività mia e del Presidente arriverà alla registrazione dell’atto notarile: il 30 giugno dovrebbe esservi la firma e il 1° luglio l’operatività. L’annata calcistica chiude il 30 giugno quindi.. Perez ufficiale? Non è possibile, chi lo avrebbe fatto firmare? Perez lo conosco perchè è un buon giocatore, non perchè è uruguaiano (Longo ha già portato in Italia altri uruguagi come Francescoli, Fonseca, Herrera e Oliveira), lo seguo da dieci anni.

Poichè prossimo allo svincolo e poichè lui non vuole rinnovare, potrebbe essere accessibile. Il centrocampo del Bologna, il prossimo anno potrebbe avere una coppia composta da Perez e Mudingayi. Sissoko? De Ceglie? Ma gli ingaggi chi li paga? Bisogna fare l’organico, poi i giocatori non necessariamente vanno comprati. Il mercato lo faccio confrontandomi con Porcedda e con l’allenatore Colomba. Su Baronio, il Presidente aveva chiesto ai Menarini di non cedere e non acquistare. Ho parlato con il Procuratore e quando mi ha chiesto cosa volevamo fare con lui ho detto, possibilità 10%. Prima aveva il 90% e sentendosi dire ora 10% si è risentito, ma io non mi permetto di fare apprezzamenti. Gli ho anche detto che personalmente non porterei a termine la trattativa, però se è da fare si fa. Vicino al Bologna c’è Stevanovic dell’Inter, la formula è prestito con diritto di riscatto e controriscatto”.

[Redazione Zeo Cinquantuno – Fonte: www.zerocinquantuno.it]