Calcio femminile, Brescia-Atalanta 2-3: sintesi e tabellino

Calcio femminile, Brescia-Atalanta 2-3: sintesi e tabellinoTre punti d’oro per l’Atalanta sul campo del Brescia mentre contemporaneamente l’altra prima della classe, la Juventus, cade a Firenze

BRESCIA – Il Brescia, con la ritrovata testa della classifica, si presenta caricato per ottenere i tre punti che gli permetterebbero di continuare a coltivare il sogno terzo scudetto. Mister Garavaglia deve fare i conti con le assenze di Fusar Poli e Re, ma recupera al centro della difesa Giulia Rizzon. In attacco al fianco di Pirone ci sono Baldi e Carolina Mendes.

Primo tempo

La tensione per la grande posta in palio si respira sin dalle prime battute. Le nerazzurre però non si scompongono e la prima conclusione verso lo specchio è dell’ex Manuela Giugliano all’8′ che però manda abbondantemente a lato. Al quarto d’ora, sugli sviluppi di uncorner, Pettenuzzo dal limite calcia a botta sicura, ma la palla viene incredibilmente intercettata da Hendrix che salva involontariamente la porta bergamasca. Le rondinelle cercano di fare la partita e d’altronde non potrebbe essere diversamente. La tensione costa a mister Piovani l’allontanamento dal campo quando, al 24′ su un dubbio fuorigioco fischiato a Girelli, si lascia andare a qualche protesta di troppo. L’Atalanta ha una buona occasione al 27′: Ledri verticalizza di prima per Baldi che si porta la palla sul sinistro e calcia di piatto da pochi passi, il tiro è debole, ma si indirizza indisturbato verso il secondo palo, terminando la sua corsa sul fondo di un nulla. Lo spauracchio dura però solo il tempo di rinviare nell’altra metà campo: Giugliano lancia in verticale per Giacinti che vede Thalmann fuori dai pali e di prima intenzione la castiga. Come all’andata la grande ex mette il suo sigillo. Al 36′ un errore di Motta si tramuta in un perfetto assist per Girelli. La n. 10 ex Verona si presenta a tu per tu con Thalmann, ma si fa respingere d’istinto il tiro. Nel finale Valentina Giacinti viene servita nel corridoio da Sabatino, prende la mira e spara di destro, mandando a lato di qualche centimetro.

Secondo tempo

Nella ripresa Garavaglia inserisce Pellegrinelli e Alborghetti, con Ledri che torna al centro della difesa e poco più tardi  Monterubbiano per Baldi. All’8′ sul primo tiro dalla bandierina della ripresa, Giugliano scodella per Daleszczick che gira di prima a centro area, ma la pallatermina sopra la traversa. Al 15′ Sabatino si presenta sul vertice dell’area piccola, spara di destro, ma Thalmann sfiora quel tanto che basta per mandare in angolo. Da questo momento ecco un’altra Atalanta, le nerazzurre conquistano metro su metro e riaccendono la sfida. Al 17′ Rizza ruba palla sul fondo, tocca per Mendes che serve l’assist per Alborghetti, il cui destro è deviato da un difensore in angolo con Ceasar fuori causa.

Al 25′ Pellegrinelli ha spazio per crossare, il servizio al centro è per Mendes che non arriva ad impattare ad un passo dalla porta per questione di centimetri. Alla mezzora l’arbitro ravvisa un fallo su Scarpellini sulla mediana, Alborghetti batte subito, sorprendendo la difesa locale colpevolmente ferma, la palla giunge a Monterubbiano che indisturbata, dribbla Ceasar e deposita in rete. Al 36′ sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, la sfera perviene a Scarpellini che di testa consegna ad Alborghetti la palla che il Puma trasforma nel due a uno nerazzurro: stop e sinistro micidiale che non lasciano scampo all’incolpevole Ceasar. Al 40′ Valentina Giacinti con una bella azione di forza sulla sinistra, cross preciso per Girelli che controlla e spara, ma Thalmann respinge a mani aperte. Il Brescia però spinge, sull’onda delle notizie che arrivano da Firenze. Giugliano crossa, la palla giunge sul secondo palo, Girelli fa da sponda per Heroum che incorna a rete. E’ il 2-2, sembra finita, ma in pieno recupero Monterubbiano in contropiede serve Mendes che decide la partita.

Brescia-Atalanta Mozzanica-2-3, il tabellino

Brescia (3-5-2):Ceasar; Pettenuzzo (40′ S.t. Heroum), Fusetti, Hendrix; Sikora, Girelli, Giugliano, Daleszczyk, Tomaselli (Dal 37′ S.t. Di Criscio); Giacinti, Sabatino. A disposizione: Marchitelli, Mendes, Di Criscio, Magri, Heroum, Cacciamali, Ghisi. Allenatore: Giampiero Piovani.

Atalanta (4-4-3):Thalmann; Rizza, Rizzon, Piacezzi (dal 1′ S.t. Alborghetti), Motta; Stracchi, Scarpellini, Ledri; Baldi (dal 12′ S.t. Monterubbiano), Mendes, Pirone (dal 1′ S.t. Pellegrinelli).  A disposizione: Salvi, Pellegrinelli, Alborghetti, Monterubbiano. Allenatore: Elio Garavaglia.

Reti:Giacinti (B) al 28′ p.t.; Monterubbiano (A) al 32′, Alborghetti (A) al 36′, Hendrix (B) al 45′ e Mendes (A) al 48′ s.t.

Arbitro: André Scialla di Vicenza; assistenti: Quinci di Lodi e Brunetti di Milano.

Recupero: 3′ nel primo tempo e 5’nella ripresa.