Serie B – Il punto della situazione sul caos di iscrizioni e fallimenti

Serie B 2018/2019

Tra meno di due mesi prenderà il via il campionato di Serie B 2018/2018 ma l’iscrizione di alcune compagini è in bilico. 

CESENA – Il campo ha dato la sua sentenza con Frosinone, Parma ed Empoli in Serie A mentre Ternana, Pro Vercelli, Entella e Novara in Serie B. Come spesso è accaduto negli ultimi anni, dal campionato cadetto fino alle serie minori, si gioca un campionato al di fuori del campo, con verdetti che potrebbero ribaltare interamente quanto successo in campo nell’arco della stagione. Il Bari è in forte crisi economica ed il mancato pagamento degli stipendi già aveva portato ai pugliesi due punti di penalizzazione, costringendoli a giocare il turno dei play-off fuori casa. Se il club biancorosso non riuscirà, entro fine mese, a pagare i salari dei propri giocatori si avvierà verso il fallimento.

La squadra che rischia di più di non riuscire a iscriversi al prossimo campionato è il Cesena, che negli ultimi giorni ha avuto un vero e proprio tracollo finanziario. Il club emiliano ha un passivo di circa 73 milioni di euro e la richiesta di pagamento rateizzato dei debiti è stata respinta da quasi tutti gli enti in causa. Anche il Foggia rischia grosso: la sua situazione è simile a quella barese con il club che già durante l’anno ha avuto molti problemi in tribunale e proprio nelle ultime ore sembra che la procura federale abbia chiesto la retrocessione per i rossoneri.

Nelle posizioni più alte di classifica il ricorso del Palermo non ha sortito gli effetti desiderati. Il 2-0 in favore del Frosinone nel ritorno della finale è stato confermato. Per i laziali ci saranno due giornate da giocare a porte chiuse e 25mila euro di multa da scontare, però, nella prossima Serie A. Il club siciliano comunque presenterà un reclamo per questa decisione. La promozione del Parma è ancora in bilico: la Procura non ha ancora deciso se deferire Calaiò e Ceravolo oppure ritenere la società colpevole di illecito sportivo. Qualora la decisione virasse sulla seconda ipotesi non sarà affatto scontato vedere i “ducali” nella massima serie il prossimo anno. Tra tutti questi intrighi la Ternana spera nel ripescaggio e il Palermo la promozione in caso di penalizzazione del Parma.