Catania: il punto sul mercato

Storie di mercato, storie d’estate.

Dopo l’addio ufficiale di Martinez, passato alla Juventus, di Sardo, il cui cartellino è stato riscattato dal Chievo Verona, e di Moretti, passato in comproprietà all’Ascoli, facciamo il punto sul mercato etneo che, ad oggi, conta solo alcune riconferme (Potenza, Marchese, Pesce) ed un solo nuovo arrivo, il giovane brasiliano Martinho.

Entrata

Jose Sosa – 51% (’85, centrocampista, ARG, Bayern Monaco): Il Parma stuzzica il giocatore con un ingaggio superiore a quello offerto dal Catania che, tuttavia, ha già da tempo trovato l’accordo con la società bavarese circa il riscatto dell’intero cartellino, mentre il Parma vorrebbe solo il prestito. A giocare in favore del Catania anche la nutrita colonia di argentini che aiuterebbe l’ambientamento del giocatore nel nuovo spogliatoio e nella nuova piazza.

Stefano Guberti 40% (’84, centrocampista, ITA, Roma): Tornato alla Roma dopo il prestito alla Sampdoria, anche con Del Neri non ha trovato molto spazio, la priorità del ragazzo cresciuto nel vivaio dell’Ascoli è quella di giocare a tutti i costi un campionato di protagonista ed è difficile che tale ambizione rientri nell’immaginario di Ranieri. La Roma vorrebbe monetizzare l’investimento compiuto l’anno scorso, quando batté il Catania portando in giallorosso l’esterno allora del Bari. La dirigenza etnea offre a quella capitolina 2,5 mln per la metà del cartellino, a patto che la stessa copra in parte il costo dell’ingaggio del giocatore, al di sopra del tetto stabilito dall’a.d. Lo Monaco.

Milton Caraglio 90% (’88, attaccante, ARG, Rosario Central): Già trovato l’accordo con società e giocatore sulla base di 1,3 mln da corrispondere alla società di Rosario a patto che questa non venga dichiarata fallita. Qualora il Tribunale di Rosario dovesse decidere diversamente l’affare andrebbe in porto lo stesso, ma si dovrebbe aspettare un tempo più lungo.

Diego Souza 49% (’85, centrocampista, BRA, Palmeiras): Entro la settimana la Trafic, azienda che detiene la totalità del cartellino del giocatore, deciderà se accettare o meno la proposta avanzata dal Catania. Una telenovela che in un modo o nell’altro avrà fine, e permetterà al Catania di chiudere o percorrere con maggior velocità le alternative battute al momento della frenata col brasiliano.

Guillermo Burdisso 30% (’88, difensore, ARG, Rosario Central): Dopo l’interessamento di altre squadre, sia italiane che inglesi, il Catania continua a seguire il giocatore sottotraccia, sfruttando i canali preferenziali dell’a.d. Lo Monaco. Solo un blitz in stile Lopez potrebbe portare il difensore a Catania.

Rolando Bianchi 10% (’83, attaccante, ITA, Torino): Già cercato qualche anno fa, il bomber granata vuole una squadra di serie A, stanco di combattere in cadetteria col Torino. L’ipotesi Catania, gradita alla società, sarebbe però in coda nelle preferenze del giocatore, che vedrebbe di buon occhio un’esperienza a Napoli.

Altre Trattative: Ghezzal (Siena) sarà a breve un rinforzo del Bari, Foggia (Lazio) potrebbe volare in Russia.

Uscita – Andrà sicuramente via Delvecchio, probabile destinazione l’Atalanta dove ritroverà il tecnico di mille avventure, Stefano Colantuono. Antenucci ha grande mercato tra le piccole della serie A, il Catania non è disposto ad accondiscenderne le pretese sull’ingaggio (500ml euro) ma non ha neanche intenzione né necessità di svenderlo, davanti ai 4 mln richiesti tutte le pretendenti han però fatto più d’un passo indietro.

Se il giocatore non dovesse ridimensionare le sue pretese rischia di star fermo anche più di un anno. Biagianti ha trovato l’accordo economico per il rinnovo contrattuale fino al 2014, a breve potrebbe arrivare la firma sul contratto anche se l’agente del giocatore attende che, dopo esser trapelata, tale notizia induca eventuali squadre interessate a farsi avanti: ora o mai più. Terlizzi non pare destinato a restare a Catania, nonostante abbia fatto bene la scorsa stagione la società sarebbe disposta a cederlo davanti ad un’offerta congrua; per adesso solo abboccamenti da parte di Torino, Bologna, Bari e Reggina. Catellani è fortemente tentato da un’esperienza in A od al vertice della serie B, Chievo e Torino lo vorrebbero con sé, il Catania rifletterà a lungo, dando prima modo a Giampaolo di valutare all’opera il ragazzo.

Ricchiuti pare avviato verso Torino, probabilmente in uno scambio tra giocatori. Carboni chiede spazio, e non sarebbe avverso ad un ritorno in patria, tuttavia il Catania non è disposto a lasciar partire il giocatore se non a fronte di una offerta concreta e cospicua, standard che il campionato argentino non può garantire. Morimoto continua ad essere richiesto in serie B, soprattutto da Brescia ed Atalanta. L’arrivo di Caraglio lo metterebbe in rampa di lancio verso altri lidi, in prestito ovviamente. Mascara tratta il prolungamento con la dirigenza che ha offerto un altro anno alle stesse condizioni, il giocatore ne vorrebbe due; il nodo non si scioglierà prima dell’inizio del campionato.