Catania-Inter, probabili formazioni: torna Deki, in avanti Milito-Pazzini

232 0

L’Inter di Ranieri riparte da dove aveva cominciato. Da una trasferta delicatissima come lo era stato a Bologna, dove occorrerà la massima concentrazione per tutti i 90 minuti in modo da evitare brutte sorprese e portare a casa i 3 punti. Gli impegni in Nazionale allungano la già fitta lista di indosponibili. Le assenze di Julio Cesar e Forlan si sommano così a quelle di Chivu, Ranocchia, Viviano e Sneijder. L’olandese però è ormai pronto al rientro, che avverrà nella sfida di Champions di martedì con il Lille. Gli infortuni riportati in queste due settimane di pausa da Coutinho e Poli non facilitano il momento dei nerazzurri, che da qui a fine mese giocheranno in pratica ogni tre giorni.

Le scelte di Ranieri si basano quindi su meccanismi collaudati e su schemi tattici più consoni ai giocatori a disposizione. Senza Sneijder, l’Inter partirà con un 4-4-2 che, privo di un trequartista, privilegia il gioco sulle fasce. Al Massimino Castellazzi prenderà il posto di Julio Cesar, con davanti la classica linea di difesa formata da Maicon a destra, Nagatomo in corsia opposta, e dai centrali Lucio e Samuel. A Stankovic e Cambiasso le chiavi della mediana nerazzurra (il serbo non è titolare in campionato dalla sconfitta di Palermo), mentre sugli esterni agiranno il capitano Zanetti e Sulley Muntari. Tenuti così a riposo Thiago Motta, che ha appena recuperato dall’infortunio, e Ricky Alvarez. Ballottaggio in avanti per un posto a fianco di Pazzini. Le ultime indicazioni danno per favorito Milito su Zarate che, partendo dalla panchina, potrebbe dare una mano a partita in corso, magari come fatto a Mosca. Più improbabile l’utilizzo come trequartista dell’ex laziale, scelta che lascerebbe fuori Muntari per il rombo.

Il Catania di Montella non ha mai perso in casa nei tre match disputati sino ad oggi, fermando sul pari anche la Juve, e scenderà in campo con un 3-5-2 compatto a centrocampo in modo da bloccare sul nascere i tentativi d’offesa nerazzurri. Tra i pali Andujar, protetto dai difensori Legrottaglie, Capuano e Spolli. Dubbi sull’ultimo che, qualora non dovesse recuperare completamente, potrebbe essere rimpiazzato da Marchese. A centrocampo i tre centrali saranno Almiron, Lodi e Delvecchio, con Izco e Lanzafame schierati sulle fasce, rispettivamente a destra e a sinistra. Particolare attenzione dovrà essere data alla spinta offensiva dell’ex juventino. In attacco il dubbio è tra Bergessio e Lopez, nel tandem completato da Alejandro Gomez.

PROBABILI FORMAZIONI:

Inter (4-4-2): Castellazzi; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Stankovic, Cambiasso, Muntari; Milito, Pazzini. All.: Ranieri.

Catania (3-5-2): Andujar; Spolli, Legrottaglie, Capuano; Izco, Almiron, Lodi, Delvecchio, Lanzafame; Gomez, Bergessio. All.: Montella.

[Daniele Alfieri – Fonte: www.fcinternews.it]