Catania, Lo Monaco: “Tifo Sconcertante; Mancano Solo i Punti”

CATANIA – Intervenuto nella trasmissione radiofonica ufficiale “Momenti Rossazzurri”, in onda su Radio SIS, l’a.d. etneo Pietro Lo Monaco parla così sul momento del Catania: “Abbiamo 29 giocatori che hanno dimostrato di aver le qualità per giocare, e bene, nel Catania. Per questo sono sicuro che chi sostituirà Spolli e Capuano non li farà rimpiangere. La squadra è serena, pur avendo raccolto meno di quanto prodotto. Il Campionato è equilibrato, bastano due risultati per cambiare, nel bene o nel male, la propria classifica. Non bisogna mai perder la testa. Il Campionato è ancora lungo.

“La tifoseria critica Giampaolo? Giampaolo non ha assolutamente alcun problema, è il nostro allenatore e gode della fiducia più ampia della società. Non ci curiamo delle critiche strane. Meditassero un po’ i tifosi, invece. Fischiare per aver pareggiato contro la Fiorentina è un atteggiamento che potrebbe permettersi il pubblico del Real Madrid, non certo il nostro.

“Una volta il nostro pubblico era un tutt’uno con la squadra, adesso sta cambiando qualcosa. E’ sconcertante giocare in silenzio assoluto, senza alcun tifo anzi, con molti giudici pronti a criticare e fischiare qualora il risultato non li appagasse. E’ un atteggiamento che non porta in alcun posto. Stessero tranquilli questi soloni, gente che viene al campo solo per criticare non possiamo permettercela.

“Siamo contenti dell’operato del gruppo. Ci manca qualche punto, perso inopinatamente. Mi auguro che la squadra non si perda d’animo ed acquisti quella mentalità che ci farà diventare un osso duro da affrontare, per tutti.

“Llama e Sciacca sono pienamente recuperati, fisicamente. Devono riacquistare la condizione-partita, che migliora pian piano.

Maxi può giocare insieme a qualunque altro attaccante. Non è un problema questo, né si devono tirare fuori storie fantasiose sulla posizione di Lopez. Come giocavamo l’anno scorso giochiamo quest’anno, e le partite le vincevamo. Abbiamo affrontato avversari tosti e perso qualche punto. Potevamo avere una classifica prestigiosa, invece siamo lì a lottare.

“Nonostante le entrate diverse il Catania non ha niente da invidiare a realtà come Palermo e Sampdoria; dobbiamo stare coi piedi per terra e tenerci stretta la crescita che, negli anni, ci ha portato alla pari con queste squadre. Attendiamo solo un colpo di coda perché anche la classifica testimoni ciò, e non è detto che già da domenica prossima..

[Redazione Mondo Catania – Fonte: www.mondocatania.com]