Catania-Palermo: la presentazione del derby

Si sa, un derby è sempre un derby, ma quello che domenica si giocheranno Catania e Palermo è più di una partita fra due squadre che si giocano il predominio regionale e l’orgoglio delle tifoserie. Per la prima volta il derby di Sicilia si gioca con due squadre in cerca di punti europei, quella rossazzurra, e in chiave salvezza, quella rosanero.

Chi continuerà a sperare?

Domenica gli etnei proveranno a vincere il derby per poter restare in corsa per l’Europa e per superare il record di punti ottenuto l’anno scorso con i 48 punti raggiunti dalla squadra di Montella. Il Palermo si giocherà invece gran parte della salvezza, che lo vede combattere disperatamente e inaspettatamente, come il Genoa e contro il Genoa, alla caccia del Siena.

Maran vs Mancanza di gol

Mister Maran dovrà fare a meno di Alvarez, che dovrebbe essere sostituito da Bellusci, e Legrottaglie agirà da centrale a fianco Spolli. Nelle recenti apparizioni il problema del Catania è stato quello di aver creato poche azioni da gol. Gli ultimi due turni evidenziano un’ottima tenuta difensiva e una struttura offensiva carente. Se il modulo deciso dall’allenatore etneo sarà il 4-3-3, a centrocampo dovrebbe rientrare Almiron per Biagianti e Castro andrà in panchina, al contrario in caso di 4-2-3-1.

Miccoli out

Il Palermo nella partita più importante della sua stagione dovrà fare a meno del suo capitano e trascinatore, Fabrizio Miccoli, che per un problemio muscolare è partito alla volta Varese. Per Sannino sarà fondamentale recuperare Ilicic che è in dubbio, al suo posto potrebbe essere preso da Dybala, invece il capitano rosanero  dovrebbe essere sostituito da Boselli.

Partita speciale per Almiron, Legrottaglie e Sorrentino.

Sarà importante rivedere un Almiron in grande spolvero. Nelle ultime partite l’argentino aveva un po’ deluso le attese e poi l’infortunio aveva ridato il posto da titolare a Biagianti, che tuttavia non è riuscito a non farlo rimpiangere.  Stesso discorso per Legrottaglie che grazie all’assenza di Alvarez rientrerà titolare con la possibilità di far sentire in campo l’apporto della sua esperienza. Tale padre tale figlio, non è il caso di Stefano Sorrentino, figlio di Roberto (storico portiere rossazzurro della promozione dell’1983) che ha scelto la maglia del Palermo. L’estremo difensore rosanero dovrà farsi perdonare l’errore di domenica scorsa contro il Bologna.

Radiolina:

Sabato in anticipo giocheranno tre squadre immischiate nella lotta per l’Europa. si affronteranno l’Udinese con la Lazio, in uno scontro diretto, e l’Inter sempre più acciaccata giocherà con un Parma che non ha più nulla da chiedere al campionato. Con la radiolina all’orecchio, domenica pomeriggio si potranno ascoltare i risvolti, di Fiorentina – Torino e Pescara – Roma, due partite che sembrano già scritte.

I sogni etnei, si coltivano domenica.

Se chiedi a un tifoso etneo quale sia il suo sogno, con buona probabilità si potrà sentire come risposta: “Catania in Europa e il Palermo ad annaspare in zona retrocessione”. Questo è quello che potrebbe accadere nel derby, che si preannuncia ricco di colori e sfottò, com’è tradizione sportiva che sia.

[Vittorio Calì – Fonte: www.mondocatania.com]