Catania: pronto riscatto

Al Massimino c’è aria di sfida salvezza. Il campo Catania e Brescia, entrambe in un periodo difficile, entrambe alla ricerca di riscatto.

Giampaolo ridisegna ancora una volta la squadra, tornando al 4-1-4-1 (a tratti 4-4-2 con Ricchiuti più avanti) con Maxi Lopez unica punta. Con Andujar in porta e Terlizzi fuori squadra e già con le valige in mano in vista del mercato di riparazione, il tecnico etneo propone una linea difensiva a quattro con Alvarez e Capuano sugli esterni supportati da Silvestre e Bellusci al centro. In mediana Carboni, come preannunciato, sostituisce l’infortunato Biagianti. A centrocampo ecco la novità Pesce che vince il ballottaggio con Izco, affiancato da Gomez, Ricchiuti e Ledesma. Come già detto Lopez unica punta.

Il Brescia di Beretta va in campo con il 4-3-1-2. Sereni in porta; linea difensiva a quattro con Martinez, Mareco, Zambelli e Bega. A centrocampo il tecnico dei lombardi sceglie l’ex Baiocco, supportato da Budel e Hetemaj. In avanti funge da trequartista Diamanti con Eder e Possanzini in avanti.

Primo tempo piatto. Brescia molto ordinato, Catania che fatica a trovare spazi pur controllando palla e cercando l’impostazione di gioco. La squadra di Beretta prova a rendersi pericolosa con le ripartenze, approfittando della velocità di Diamanti ed Eder.

Ma, la prima occasione del match, arriva al ventiseiesimo quando Lopez appoggiando su Ricchiuti manda il centrocampista etneo alla conclusione dal limite: tiro preciso, lì all’angolo destro di Sereni che, con un colpo di reni, riesce però a mandare in angolo.

La risposta bresciana non si fa attendere: centottanta secondi dopo è Eder a cercare la rete con un bel diagonale che si spegne alle spalle di Andujar.

Ma, poco dopo la mezzora, ecco la rete rossazzurra: straordinaria magia di Gomez che semina due avversari, mette al centro dove il Brescia respinge corto. Sul pallone si avventa Lopez che, in mezza rovesciata, mette dentro il goal del vantaggio etneo. E’ il terzo goal stagionale per l’argentino, è la rete necessaria a strappare qualche applauso da un pubblico che, fino a quel momento, aveva abbondantemente fischiato le trame inefficaci della squadra di Giampaolo.

Il Catania, dopo l’intervallo, torna in campo concentrato, deciso a far bene e vincere. I rossazzurri vanno più volte vicino al raddoppio, prima con Lopez e poi con Gomez, ma è bravo Sereni a mantenere in gara i suoi fino al novantesimo

L’unico sussulto del Brescia arriva quasi allo scadere quando è Carboni a salvare, sugli sviluppi di un angolo, proprio sulla linea di porta.

Il Catania torna a +6 dalla zona retrocessione, fermandosi a quota ventuno. Quota che, proiettata, dà il Catania ad oltre quaranta punti a fine stagione. Metà cammino è stato raggiunto.

[Fabio Alibrio – Fonte: www.mondocatania.com]