Desolati: ”Mutu? La Fiorentina ha bisogno di lui”

Una fatica così nessuno se l’aspettava. Sono serviti 119 minuti per stabilire che, tra Fiorentina e Empoli, meritava la qualificazione con l’equilibrio rotto da Babacar al termine di una partita giocata piuttosto male dalla squadra di Mihajlovic. I viola torneranno in campo in Coppa Italia il 30 novembre, ospitando la vincente della partita Frosinone-Reggina. Adesso, quindi, la Fiorentina può tornare a concentrarsi sul campionato e su una gara – la trasferta di Catania – che diventa ancor più difficile, in virtù dello sforzo settimanale prodotto dai viola. Violanews.com ha contattato in esclusiva l’ex viola Claudio Desolati per un commento sulla gara di domenica sera.

Seconda vittoria consecutiva tra campionato e Coppa Italia, ma quanta fatica.

“In campionato quello che serviva contro il Bari erano solo i tre punti, non importa attraverso che tipo di gioco, serviva una vittoria per abbandonare l’ultimo posto e così è stato. Ieri sera è stata una sofferenza per tutti, alla fine ci ha pensato Babacar, altrimenti ci sarebbero state polemiche infinite: già, arrivare fino ai supplementari, è stata una sorpresa per tutti”.

Anche per Mihajlovic che deve preparare la trasferta di Catania.

“Sarà un bel problema, la trasferta di Catania è sempre difficile, ora che i viola sono in queste condizioni lo sarà ancora di più. Il Catania non può permettersi di perdere punti, la Fiorentina però deve trovare continuità perché una nuova sconfitta farebbe tornare la crisi. Lo si è visto anche con il Bari, quando – negli ultimi minuti – i viola avevano quasi paura di portare a termine la partita ed hanno rischiato di prendere il gol del pareggio. Questa Fiorentina non è ancora guarita”.

Rientrerà Mutu.

“Quello che ha fatto è da censurare, sicuramente, però adesso la Fiorentina deve pensare al bene della squadra e Mutu è un calciatore fondamentale per il gruppo viola”.

Ha la sensazione che questa stagione, iniziata male, sarà una lunga sofferenza.

“Credo proprio di sì, anche se non ci saranno problemi per la salvezza. Ma non aspettatevi mai una Fiorentina brillante, quest’anno. L’importante è pensare alla concretezza e ottenere più punti possibili”.

[Niccolò Gramigni – Fonte: www.violanews.com]