Donadoni: “Dopo il gol di Cassano tutto è cambiato”

logo-parmaMister Donadoni festeggia la centesima partita sulla panchina del Parma con una vittoria. Un successo al Bentegodi contro il Chievo maturato in rimonta con un secondo tempo di grande carattere da parte dei crociati. Si aspettava il mister questa reazione dei suoi dopo il primo tempo chiuso in svantaggio? “Onestamente anche per quel che si era visto nella prima frazione, con tre o quattro palle importanti che non siamo riusciti a concretizzare, ci mancava poco. Solo quella cattiveria che abbiamo avuto invece nella ripresa. Mancava solo un pizzico di determinazione in più, quella che il Chievo ci ha messo subito, mettendoci in difficoltà andando in vantaggio dopo pochi minuti. Più per ingenuità nostra che altro. Dopo il bel gol di Antonio tutto poi è cambiato anche mentalmente ci siamo sbloccati. In alcuni frangenti c’è stata paura di vincere e questa eccessiva tensione non mi piace”. Cassano? Antonio lo conosciamo. Ha avuto anche qualche problema fisico in settimana, ma le sue possibilità  sono superiori, anche in virtù di una condizione atletica che deve migliorare”.

Non è un momento facile questo per il Parma, falcidiato da tante assenze importanti e la vittoria di oggi dà morale:

“Anche contro Milan al di là di qualche ingenuità commessa, ce l’eravamo giocata e anche oggi non siamo stati inferiori ai nostri avversari. Manca continuità ma vincere qui a Verona è un bel punto di partenza, per di più contro una squadra che solo una settimana fa ha battuto il Napoli”.

Su Massimo Coda:

“Ha fatto molto bene nel Nova Gorica, mi ha dato subito sensazioni positive e se continuerà cosi, visto anche che sta lavorando molto, troverà ancora maggior spazio a discapito di chi magari ha maggiori doti tecniche ma non ha la stessa determinazione”. I cambi operati dal mister sono stati decisivi: “Coda e Galloppa han fatto il loro dovere come Rispoli. Vuol dire che lo spirito di competitività interna che c’era l’anno scorso c’è ancora e il merito dunque va ai giocatori. Aver fuori elementi come Biabiany, Paletta e Cassani significa non poter avere a disposizione alternative di alto livello da poter utilizzare, ma non ci piangiamo sopra e facciamo di necessita’ virtù”.

[Sito Ufficiale Fc Parma – Fonte: www.fcparma.com]