E’ grande Germania: tramortita l’Inghilterra di Capello, 4-1!

I tedeschi danno una lezione ai britannici:un’altra big viene affossata nelle proprie aspirazioni. Ma sull’esito del match ha influito un clamoroso gol non convalidato a Lampard

Quando si affrontano Germania ed Inghilterra il campo riserva sempre qualcosa di speciale che esula dall’ordinario, travalicando oltremisura i confini del torpore. E spesso non latitano nemmeno le polemiche, come avvenne in occasione della Finale iridata del ’66, quando fu convalidato ai britannici un gol fantasma di Hurst, che indirizzò il match in favore dei padroni di casa.

Ebbene, come in una sorta di riproposizione storica di “sua Maestà la svista arbitrale”, anche oggi abbiamo assistito ad un gol-non gol, episodio che stavolta ha danneggiato proprio gli inglesi (chi di gol fantasma ferisce…), che non si son visti convalidare una rete clamorosa di Lampard (che in seguito, in ossequio alla sfortuna colpirà pure un legno su punizione!) sul parziale di 2-1 per la Germania.

Una pecca arbitrale che inficia l’exploit inatteso dei panzer, che hanno comunque tramortito Capello & c. con un sonoro 4-1, con reti di Klose (eguagliato Pelè a quota 12 gol Mondiali), Podolski e doppio Thomas Muller, reti intramezzate dalla signatura di Upson, che aveva illuso i leoni.

Leoni che ancora una volta si son dimostrati inadeguati per una grande manifestazione, alla faccia della cura Capello che avrebbe dovuto far compiere l’auspicato (e sarebbe stata ora…) salto di qualità…

Evidentemente l’ex allenatore della Juventus non è più quello di un tempo, quello, per intenderci, in grado di vincere tutto col Milan o di tingere di tricolore un team avulso dal grande palcoscenico come la Roma…

A meno che l’Inghilterra non sia stata troppo deficitaria alla radice per poter essere forgiata ad immagine e somiglianza di Capello. In tal caso il fallimento di Fabio avallerebbe la teoria seconda la quale un tecnico non influirebbe più di tanto sui livelli di un team…In ogni modo l’Inghilterra lascia in maniera indegna la kermesse, andandosi a sommare alle big insufficienti rispondenti ai nomi di Francia ed (ahinoi) Italia. La Germania dal canto suo si candida di diritto per il quarto titolo Mondiale.

TABELLINO:

GERMANIA-INGHILTERRA 4-1 (Primo tempo 2-1)

GERMANIA (4-2-3-1): Neuer; Lahm, Mertesacker, Friedrich, Boaeting; Schweinsteiger (dal 38′ s.t. Kiessling), Khedira; Mueller (dal 27′ s.t. Trochowski), Oezil, Podolski; Klose (dal 27′ s.t. Gomez). (Wiese, Butt, Jansen, Aogo, Tasci, Badstuber, Kroos, Marin, Cacau). All: Low.

INGHILTERRA (4-4-2): James; G.Johnson (dal 42′ s.t. Wright-Phillips), Terry, Upson, A.Cole; Milner, Lampard, Barry, Gerrard; Defoe (dal 26′ s.t. Heskey), Rooney. (Green, Hart, Dawson, Lennon, J.Cole, Warnock, Carragher, King, Carrick, Crouch). All: Capello.

Arbitro: Larronda (Uruguay)

Reti: Klose (G) al 20, Podolski (G) al 32′, Upson (I) al 37′ p.t.; Mueller (G) al 22′ e al 25′ s.t.

NOTE – Spettatori 40.510. Ammoniti Johnson e Friedrich per gioco scorretto. Angoli 4-6. Recuperi p.t. 1′; s.t 2′.