Europei di pallanuoto donne: 7 rosa da medaglia

227

Continua l’avventura della squadra azzurra di Pallanuoto in questi Campionati Europei che si stanno svolgendo in Croazia. Il 7 Rosa accede alle Semifinali, garantendosi un posto fra le prime 4 del Continente, a margine di diversi anni avari di soddisfazioni in cui le nostre ragazze erano andate incontro ad una ritrazione imbarazzante relazionandola alla loro storia gloriosa. Il team di Fiori ieri ha avuto ragione per 10-9 sulla Spagna, al termine di un match di modesta qualità tecnica, che rispecchia un po’ il valore generale non trascendentale di questa kermesse.

Le due squadre hanno palesato un coefficiente qualitativo davvero deficitario, specie in avanti, dove si sono toccati livelli per certi versi vergognosi. Noi, dal canto nostro, siamo migliorate in difesa, anche se siamo state troppo fallose, regalando alle iberiche 5 rigori, di cui l’ultimo parato dalla monumentale Elena Gigli, vero ago della bilancia della nostra Nazionale, che avrà ancora tanto da lavorare per assestarsi sui fasti d’antan, e questo a prescindere da come evolverà questo Europeo.

Intanto alla nostra squadra sono giunti i complimenti persino del Presidente del CONI Petrucci. Ecco invece il commento di Fiori:

Dopo esserci qualificati per il Mondiale, abbiamo ottenuto il pass per gli Europei del 2012 conquistando le semifinali. Per una squadra giovane e inesperta è un risultato importante, che dà consapevolezza, alimenta la fiducia nel lavoro svolto e stimola le ambizioni. La vittoria con la Spagna è stata molto sofferta. E non poteva essere diversamente con le vice campionesse d’Europa. Dobbiamo imparare ad essere più cinici e ordinati nei momenti di difficoltà, gestire meglio la pressione ed essere coscienti delle nostre potenzialità. Il gruppo sta crescendo gradualmente ed ora è atteso da una fase del torneo ancora più impegnativa. Affrontiamo di nuovo la Grecia che ci ha battuto all’esordio 7-5. Sarà determinante non commettere gli stessi errori. Ce la giocheremo alla pari.

TABELLINO:

Spagna-Italia 9-10

Spagna: Ester, Gil 5 (3 rig.), Espar 1, Tarrago 1, Ortiz, Llorent Gomez, Miranda, Pena 1, Blas, Mesenguer, Garcia 1, Gorria, Bugallo. All. Oca.

Italia: Gigli, Abbate, Casanova 1, Radicchi, Motta 2, Garibotti, Aiello, Bianconi 3, Emmolo 1, Rocco, Cotti 3, Frassinetti, Gorlero. All. Fiori.

Arbitri: Brguljan (Mne) e Vlasic (Cro).

Note: parziali 2-3, 2-3, 4-3, 1-1. Uscita per limite di falli Abbate (I) a 5’20 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Spagna 3/9, Italia 3/8. Gigli (I) para un rigore a Gil a 2’05 del quarto tempo, sul 9-10. Spettatori 300 circa.

Articoli correlati