Fabio Sciacca: “A Giampaolo dico grazie. Io erede di Mascara?”

MASCALUCIA (CT) È già tempo di preparare e parlare di Catania – Cesena, secondo impegno stagionale dei rossazzurri. In sala stampa presentano la sfida due subentrati nel corso della gara contro il Siena, due giovani che hanno positivamente impressionato nei minuti concessi loro da Mister Montella: Fabio Sciacca ed Andrea Catellani.

Fabio Sciacca: “Molti mi hanno fatto i complimenti per la partita di domenica. Mi sono sempre messo da parte per due anni a causa di infortuni vari. Spero che questo sia l’anno giusto per completare bene la stagione. Guardiamo a far bene la nostra partita. Il Cesena è sì piccola ma molto organizzata, soprattutto in difesa, Giampaolo la cura molto. Saluterò con piacere il nostro ex allenatore, mi ha dato molto sul piano umano e professionale.

“Qui potrei anche esser la ventesima scelta, allenamento dopo allenamento farò il massimo per ritagliarmi uno spazio. Sono a casa, sto bene, la società ha deciso di trattenermi, crede in me, crede che quest’anno possa esser l’anno giusto. Magari un campionato di serie B con una squadra importante sarebbe stato comunque bello.

“Siamo tanti, spesso è difficile star anche tutti in campo e qualcuno deve adattarsi in ruoli non suoi. La prima giornata di campionato è sempre di assestamento. Fa storia a sé. Si provano movimenti, geometrie provate in allenamento, non va sempre bene. Con Giampaolo abbiamo sempre fatto bene in difesa, dovremo esser bravi a sfruttare le nostre occasioni e fare il massimo.

“Non so se basteranno i minuti contro il Siena per guadagnare un posto contro il Cesena, ho fatto il mio e lo farò sempre, farò sempre il massimo. Volevo fare i miei complimenti a Bellusci, è reduce da un periodo difficile ma ieri ha fatto benissimo come centrale. Ha le qualità per essere l’erede di Silvestre, rimanendo concentrato a fine campionato potremo dire se è così. L’eredità di Mascara? E’ pesante. Cercherò di conquistarmi la fiducia di tutto l’ambiente.

“Io cerco spesso il tiro in porta. Ognuno di noi ha qualche aspetto peculiare. Su questo si basano anche le scelte del mister. Abbiamo fatto una buona gara contro il Siena. Andiamo ad affrontare il Cesena consapevoli dei nostri mezzi.

“Equilibrio è collaborazione tra compagni, parlarsi in campo. Tenersi attenti, vuole che tutti aiutino tutti.

[Marco Di Mauro – Fonte: www.mondocatania.com]