Fiorentina-Catania 2-2: la voce dei protagonisti

210 0

ANDREA DELLA VALLE

“Accantoniamo alla svelta questa partita, pensiamo a Torino, prendiamo i punti che ci sono mancati oggi in casa della Juve. Lo spogliatoio aveva l’umore a terra come è normale che sia, il pareggio in casa è percepito come una sconfitta. Sono il primo ad essere rammaricato e dispiaciuto, però ho rivisto un grande Stevan Jovetic. Bastano 3 o 4 punti e siamo lassù. L’allenatore non è in discussione, capisco l’amarezza di tutti, dei tifosi, ma stasera non ha nessuna colpa Mihajlovic. Potevamo chiuderla sul 2 a 1. Ho spiegato ai ragazzi che devono essere fiduciosi perché stiamo giocando bene. A me interessano i 3 punti, non me ne frega niente se la squadra non diverte. Piano piano ci preoccuperemo anche di far divertire i tifosi. Pensiamo a Torino e a Genova che sono due partite importantissime per il nostro cammino. Contro la Juve la squadra non deve mancare, i ragazzi sanno che devono dare l’anima, il mille per mille, perché non possono mancare di rispetto ai tifosi. Adesso sono arrabbiato anche io, ma stasera quando sarò in macchina mi passerà, pensando a martedì. Montolivo? In una partita difficile come quella di martedì ci mancherà sicuramente, ma abbiamo sostituti interessanti. Mercafir e il nuovo stadio? Ognuno deve avere le sue responsabilità, ci penseremo”.
S. MIHAJLOVIC
Se devono contestare qualcuno è sempre meglio che lo facciano con me, così i giocatori sono più tranquilli. I tifosi hanno il diritto di contestare, ma io vado avanti sereno, sono abituato a mettermi in discussione come giocatore e come tecnico. I momenti di difficoltà ci sono sempre stati e ne siamo usciti più volte. Abbiamo una gara fra tre giorni, andiamo in ritiro per recuperare al meglio. Le rimonte subìte? Sono episodi, anche contro la Lazio potevamo chiuderla e non ce l’abbiamo fatta, esattamente come oggi. Non posso dire nulla ai miei ragazzi, loro hanno fatto una bella partita, però non abbiamo segnato abbastanza. Santiago Silva? E’ un giocatore che ci aiuta molto, è più mobile di Gilardino e ci può dare una mano anche in fase difensiva, purtroppo ha qualche difficoltà nell’integrarsi in Serie A, ma farà bene”.
S. JOVETIC
“Son contento della doppietta ma deluso del risultato, abbiamo preso gol in una maniera che non va bene. Il secondo gol di precisione lo cercavo da tempo, e non mi riusciva, ma sono stati entrambi gol molto belli. Mi sento sempre meglio, anche con la palla fra i piedi, spero di fare sempre meglio e ancora altri gol”.
C. NATALI
“La squadra è più importante dei singoli, ma io sto bene e mi diverto. Tutti hanno il loro modo di interpretare le partite, come atteggiamento, ma dev’essere un contesto a funzionare. Peccato per i due punti persi”.

V. MONTELLA
“Una gara in cui ci sono state tante partite, con due squadre aggressive e vogliose di vincere, sono contento per la grinta e la qualità con cui abbiamo cercato il risultato, non è facile recuperare due gol a Firenze. I miei singoli non si sono espressi però al massimo. Jovetic è un giocatore straordinario, sapevamo che se si accentra e si porta la palla sul destro è pericoloso, noi non l’abbiamo chiuso bene, ma lui è un grandissimo, anche se ancora non è al 100%. Il nostro destino lo decidiamo noi, abbiamo una rosa lunga con molte caratteristiche, ma dobbiamo ancora crescere. Maxi Lopez può fare di più, ma intanto si è dato da fare, è molto importante per noi. I fischi a Mihajlovic? Se fai la carriera di allenatore sai a cosa vai in contro, lui ha le spalle larghe e so che non è turbato da questa situazione”. 

M.LOPEZ
“Siamo contenti è un punto importante contro una squadra superiore tecnicamente. Settimana dopo settimana stiamo migliorando io sto bene sono tranquillo e faccio il mio lavoro senza creare problemi al mister. Il trasferimento alla Fiorentina? Cerco di non pensare troppo al passato. L’importante è dare il massimo con questa maglia. Solo così arriveranno i gol e gli interessamenti di altre squadre. La Fiorentina? Per l’organico che ha farà bene”.
N. LEGROTTAGLIE
“Abbiamo anche noi giocatori importanti per risolvere le partite, tatticamente ormai tutti sono bravi. Jovetic ha dimostrato di essere un campione che può ancora migliorare giocando in grandi squadre, è anche molto umile, ha un gran bel carattere. La Fiorentina non è ancora la squadra di prima che riusciva a lottare in alta classifica, ma si sta avvicinando. Senza Gilardino i viola faticano”.
MARCHESE
“Quella di oggi è stata una partita intensa. Siamo stati bravi a fermare la Fiorentina. Loro sono una squadra importante con tanti nazionali, e in più giocavano in casa. Mihajlovic? E’ un buon allenatore e una brava persona. Mi dispiace per la contestazione che sta subendo, non la merta, così come non meriterebbe l’esonero. Quelle che ho sentito oggi non sono delle belle parole per una piazza come Firenze. Oggi siamo riusciti ad arginare bene Cerci. La Fiorentina sta pagando lo stop di Gilardino”.
P. LO MONACO

“La contestazione a Mihajlovic? Non so cosa si aspettano i tifosi. Forse di vincere lo scudetto o andare in Champions? La Fiorentina ha dei problemi, e Mihajlovic sta cercando di risolverli. Diamogli tempo. Oggi non è stato facile per noi contro la Fiorentina, ma neanche per loro con questo Catania. Maxi Lopez? I viola l’hanno trattato per far fronte al dopo Gilardino, poi le cose sono andate diversamente. Lodi? Non c’è mai stata una trattativa”.

[Redazione Viola News – Fonte: www.violanews.com]