Formazione Genoa, quali giocatori comprare al fantacalcio

Formazione Genoa, quali giocatori comprare al fantacalcio

Biraschi e Criscito i punti di forza, Romulo, Hiljemark e Sandro le certezze, Piatek e Kouame le sorprese. Qualche dubbio in porta

GENOVA – Il Genoa riparte con Davide Ballardini, per la prima volta in carriera sulla panchina rossoblu fin dalla prima giornata di campionato. Il tecnico ravennate ha fatto un miracolo lo scorso anno, salvando una squadra allo sbando. Ora prova a costruire qualcosa di più. La rosa a disposizione è di qualità. Se lo si lascia lavorare con calma può uscire una bella sorpresa. Tra ritorni e nuovi arrivi andiamo a vedere come sarà schierata la squadra e quali giocatori potrebbero fare la differenza.

Probabile formazione

Il modulo sarà ancora il 3-5-2. Partiti Perin e Lamanna, tra i pali è arrivato Marchetti. Di lui non convincono i tanti infortuni che lo hanno tormentato in questi anni. E se si dovessero  verificare di nuovo? Ecco allora che si potrebbe aprire la porta della titolarità per Radu, giovane portiere dalle interessanti qualità. In difesa figurano i nomi di Biraschi, Spolli e Zukanovic. Se il primo è in rampa di lancio e potrebbe fare un’ottima stagione, la stessa cosa non può dirsi degli altri due, troppo spesso vittime di infortuni e, per questo motivo, da ritenersi poco affidabili.

Più solido il centrocampo, grazie a Romulo, innesto di qualità che in stagione potrebbe fare la differenza e potrebbe affermarsi anche come rigorista, Hiljemark che, graditissimo da sempre a mister Ballardini, potrtrebbe aumentare i suoi bonus, e Sandro, che a Genova cerca lo slancio per risplendere come ai vecchi tempi. Sulla fascia sinistra Criscito, che, tornato con tanta voglia dopo sette anni, resta nonostante l’età uno dei megliori terzini in circolazione in Italia.

Sull’altra corsia desta, invece, perplessita Lazovic, solitamente troppo discontinuo nell’arco di una stagione. Davanti Piatek, che con un ottimo pre campionato ha suscitato in molti l’impressione che non si tratti di una meteora ma di una stella destinata a splendere. Potrebbe essere la sorpresa della stagione. Accanto a lui Kouamè, altro giocatore in rampa di lancio che nel campionato cadetto ha già fatto vedee buone cose e che, se gli si dà fiducia, potrebbe anche spaccare.

Uno sguardo alle riserve

Anche se parte dalla panchina, non va dimenticato Pandev, pupillo di Ballardini, che nel corso della stagione riuscirà sicuramente a trovare i propri spazi. Vita più difficile per Bessa, destinato, sulla carta, a un rolo da ccmprimario, e per Medeiros, che, anche se non ha fatto male nella passata stagione, non è di pronto collocamento, tenuto conto dell’agguerrita concorrenza. Potrebbero invece aver bisogno soltanto di tempo Rolon, chiamato a riscattare una pessima annata al Malaga, e Favilli, giocatori di alta qualità.

I giocatori da rivedere

Tanti i giocatori “sotto esame”. Da Lisandro Lopez, che finora non ha mai entusiasmato e non ci sono validi motivi per pensare che potrebbe farlo al Genoa, a Pereira, che se vuole conquistare deve cambiare passo e fare di più, passando per Gunter e Lakizevic, i quali sono tutti da verificare e riscoprire. E ancora Omeonga, Mazzitelli e Dalmonte, i quali, sulla carta, vista l’alta concorrenza, non sembrerebbero trovare posto in questa squadra.