Francesco Guidolin: “Angella giovane di ottime prospettive”

Francesco Guidolin, in un’intervista esclusiva a Dahlia Sport, ha fatto il punto della situazione in casa bianconera dopo la prima giornata di campionato e al termine della sessione estiva del calciomercato: “Credo che ci vorrebbero regole diverse per il calciomercato. Una sessione così lunga non ha senso, dovrebbe terminare prima dell’inizio del campionato. Anche la sessione invernale dovrebbe essere più breve”.

L’Udinese ha ceduto a titolo temporaneo (fino al 30 giugno 2011) con diritto di riscatto della partecipazione a favore del Parma, i diritti sportivi del centrocampista Antonio Candreva: “Abbiamo lavorato molto bene con Antonio durante tutte il periodo di preparazione tanto che il ragazzo è stato impiegato in tutte le amichevoli che abbiamo disputato. Insieme alla Società abbiamo fatto una valutazione: qui il giocatore rischiava di essere un pochino sacrificato soprattutto in questo momento in cui siamo costretti a cambiare modulo a causa dell’infortunio di Ferronetti. Candreva ha bisogno di giocare con continuità. In rosa disponiamo di Abdi, un ragazzo con le caratteristiche simili a quelle del centrocampista romano e in cui crediamo molto”.

La cessione di Candreva non ha nulla a che fare con la permanenza del capitano Di Natale a Udine: “Sono due calciatori completamente diversi. Candreva è un giocatore duttile che può ricoprire tutti i ruoli del centrocampo e che può fare anche il trequartista”.

Il nuovo arrivato sotto l’arco del “Frili” si chiama Gabriele Angella. L’Udinese lo ha acquisito dall’Empoli insieme al centrocampista Diego Fabbrini, che però resterà in Toscana fino al termine della stagione. “Angella è un altro tassello che va a comporre il nostro mosaico. E’ un giovane di ottime prospettive messosi già in luce con la nostra Nazionale Under 21. La decisione di portarlo a Udine, come tutte le altre scelte di mercato, è stata presa in comune accordo con la Società”.

La prima sconfitta in campionato brucia ancora: “Siamo usciti dal campo amareggiati perché non meritavamo di perdere. Ho visto buoni segnali dalla squadra e resto fiducioso per il futuro. Sabato è subentrata anche un po’ di paura. Adesso dobbiamo iniziare a correre”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]