Giusto pari a Grosseto ma il Livorno poteva fare di più, 0 a 0

Grosseto – Si è disputato oggi, sabato 23 ottobre, l’undicesimo derby al Carlo Zecchini di Grosseto, tra la squadra di casa ed il Livorno. Il Livorno a sorpresa schiera in attacco la coppia Danilevicius-Dionisi, mentre il Grosseto risponde con la sola punta Alessandro. Tavano non è presente nemmeno in panchina ed il suo posto viene preso da Cellerino, a causa di un infortunio patito da Tavano nella fase di riscaldamento.

La partita, nel primo tempo non offre spunti particolari, con una certo predominio territoriale, nei primi minuti di gara, da parte dei biancorossi, ma le uniche occasioni degne di nota sono da asseganre senz’altro al Livorno.

Prima con una punizione di Surraco verso la mezz’ora, e sul finire del primo tempo, la migliore occasione con di un colpo di testa di Miglionico che metteva a lato di poco.

Il secondo tempo invece è parso subito più brioso, prima a favore del Grosseto, complice alcune incertezze di De Lucia che fortunatamente non sfociavano nell’autogol, poi con Dionisi che, lanciato da Schiattarella, metteva a lato da ottima posizione.

Al 60’ circa il Grosseto rimane in dieci per la doppia ammonizione di Asante, ma l’uomo in più anzichè migliorare il gioco della squadra amaranto la rendeva più incerta a favore di un arrembante Grosseto.
De Lucia ha avuto comunque modo di rifarsi delle incertezze iniziali parando, sul finire del secondo tempo, una bella punizione di Allegretti.

La partita finiva, dopo la sostituzione di Danilevicius, bene il primo tempo, scomparso nel secondo, a favore di Cellerino e l’espulsione per un brutto fallio di Iorio, nei minuti di recupero, che faceva terminare la squadra locale in nove uomini.

La partita si concludeva così con un pareggio a reti inviolate. Un punto buono per la classifica, ma forse due punti buttati via vista la differenza tecnica tra le due squadre e la possibilità non ben sfruttata di giocare per più di mezz’ora in superiorità numerica,

Sabato, in casa con la Reggina, la squadra dovrà essere più concreta se vorrà raccogliere nuovamente i tre punti.

[Giovanni Marino – Fonte: www.amaranta.it]